24.9 C
Napoli
giovedì, 7 Luglio 2022

Ucraina, mine e bombe a grappolo: Amnesty denuncia crimini di guerra russi a Kharkiv

Da non perdere

Anna Borriello
Scrivo per confrontarmi col mondo senza ipocrisie e per riflettere sul rapporto irriducibile che ci lega ad esso.

A Kharkiv, seconda città dell’Ucraina dopo Kiev, sono stati commessi crimini di guerra. Ne è certa Amnesty International, che in un rapporto pubblicato oggi denuncia attacchi condotti dai russi con bombe a grappolo che hanno ucciso centinaia di civili.

Amnesty denuncia crimi di guerra a Kharkiv in Ucraina: utilizzate armi vietate dalle convenzioni internazionali

‘I ripetuti bombardamenti dei quartieri residenziali di Kharkiv sono attacchi indiscriminati che hanno ucciso e ferito centinaia di civili e, in quanto tali, costituiscono crimini di guerra”, si legge nella nota denunciando ”sia per gli attacchi effettuati con l’uso di bombe a grappolo, sia per quelli condotti con altri razzi non guidati e proiettili di artiglieria”.

Amnesty sottolinea che ‘‘l’uso continuato di tali armi esplosive imprecise in aree civili popolate, sapendo che stanno causando ripetutamente un gran numero di vittime civili, può equivalere a dirigere attacchi contro la popolazione civile“.

L’ong ha affermato di aver scoperto prove a Kharkiv dell’uso ripetuto da parte delle forze russe di bombe a grappolo 9N210 e 9N235 e mine terrestri disperdibili, tutte vietate dalle convenzioni internazionali.

 Almeno 288 bambini sono rimasti uccisi e 527 feriti dall’inizio del conflitto militare in Ucraina. Lo ha affermato questa mattina la Procura generale Ucraina nel suo aggiornamento quotidiano, precisando che si tratta di cifre provvisorie in quanto sono in corso accertamenti nelle regioni attualmente interessate dalle ostilità.

La regione dove si registra il maggior numero di decessi è quella di Donetsk, con 218 bambini morti o feriti, seguita da quella di Kharkiv, con 166. Inoltre, a causa dei massicci bombardamenti da parte delle Forze armate russe, 1.971 istituzioni educative sono state danneggiate, 194 delle quali completamente distrutte.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli