7.8 C
Napoli
martedì, 31 Gennaio 2023

U2: musica gratis a sorpresa

Da non perdere

Davide Franciosahttps://www.21secolo.news
27 anni, poliedrico, sensibile, napoletanissimo. E' Compositore video-grafico e operatore di comunicazione sociale. Malato di "teatrite acuta", appassionato di cinema, musica, lettura e scrittura creativa, ha l'Africa nel cuore. Sogna di diventare editore e un teatro tutto suo.

Attesi e inaspettati, eppure è vero: dopo 5 anni gli U2 sono tornati, e col grande stile che solo i grandi della musica e i re mida del mondo discografico sanno fare. Cambia il mondo, cambiano le esigenze, cambia la modalità di ascoltare musica e anche il modo di produrla e distribuirla, ma senza tradire la passione e il piacere che sin dall’inizio ha contraddistinto la carriera della band irlandese da 150 milioni di dischi venduti.

Intervenuti a sorpresa alla convention Apple per la presentazione dell’Iphone 6 e degli altri nuovi gioiellini della casa di Cupertino, Bono e compagni hanno presentato la caratteristica principale del loro nuovo lavoro: sarà disponibile gratuitamente fino al 13 ottobre per tutti gli utenti iTunes. Dopo questa data verrà prodotto il disco a pagamento in versione standard, in vinile e in versione deluxe contenente una sessione acustica dei brani ed arricchito con ulteriori 4 inediti. Tutte le versioni avranno copertine diverse. L’album, registrato fra Dublino, Londra, New York e Los Angeles in gran segreto, da l’impressione di un ritorno alle origini della di Dublino, in uno stile tra rock anni 70 e prima elettronica anni 80, un intenso mix tra vintage e moderno.

“Songs of innocence”, Il nuovo e gratuito album U2
“Songs of innocence”, Il nuovo e gratuito album U2

Annuncio che per i milioni di fan sparsi nel mondo sa di rivoluzione, di scelta generosa e strabiliante, ma che in realtà è la nuova tendenza dell’industria discografica che negli ultimi anni sta prendendo sempre più piede. “Songs of innocence” è un regalo a 500 milioni di utenti, nonché l’album con la più ampia diffusione mai avuta in 119 paesi. Un’operazione strategica che, per la band più famosa del pianeta, è certamente un ritorno d’immagine molto più forte di quello economico. Un sodalizio pluriennale con Apple, anche se mancherebbe ancora la conferma, che sa di grande manovra di marketing in sponsorizzazioni e ricavi futuri. Chiare le idee del sempre verde e pioniere musicale Bono: ”Questo è solo il primo tassello di una collaborazione che trasformerà il modo in cui la musica è ascoltata e vista”.

Come già detto durante la conferenza dal CEO Apple Tim Cook, l’azienda è in piena sinergia con l’industria della musica, dimostrando di adeguarsi ai tempi che cambiano con le vendite di dischi e di download in drastica discesa a fronte dell’ascolto a basso costo sulle piattaforme digitali. La notizia positiva è che l’universo musicale, etichette e produttori sembra che stiano finalmente prendendo coscienza dell’alto costo delle vendite dei dischi, ormai ad appannaggio esclusivo di fan e collezionisti. Le proposte a costi contenuti e le alternative gratuite viaggiano negli store digitali come Spotify e Jamendo, ascoltabili ormai su tutti gli smartphone con connessione ad internet. La rivoluzione è già iniziata.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli