Tris Roma, Toro domato

Succede tutto nel secondo tempo. La Roma batte il Torino 3-0 e consolida il terzo posto

Pellegrini e Under_XXIsecolo_gianlucacastellano
Pellegrini e Under

Nell’anticipo della ventottesima giornata di Serie A, la Roma batte il Torino 3-0 all’Olimpico grazie ai goal di Manolas, De Rossi e Pellegrini.

Un primo tempo non semplice per i giallorossi, i quali sono risultati poco brillanti ed hanno rischiato in qualche occasione di passare in svantaggio.

La prima clamorosa palla goal arriva al 33′ minuto, Iago Falque piazza il pallone all’angolino basso ma Alisson, con uno straordinario colpo di reni, la devia in calcio d’angolo.

Pochi minuti piu’ tardi ancora il portiere della Roma protagonista: un errore in disimpegno della retroguardia giallorossa offre ad Acquah la possibilità di calciare indisturbato dal limite dell’area, ma Alisson compie un’altra grande parata e salva il risultato.

Nel secondo tempo si vede una Roma piu’ pimpante e pericolosa ed il Toro sembra aver perso quelle convinzioni che hanno contraddistinto la prima frazione di gara.

Il goal che sblocca il risultato arriva al 56′ minuto, cross perfetto di Florenzi e Manolas insacca con un colpo di testa impetuoso.

Il vantaggio dà ancora piu’ fiducia alla squadra di casa, la quale cerca di chiudere la partita il prima possibile. Il raddoppio arriva al 73′ minuto con De Rossi. Il capitano segna il suo primo goal in campionato e chiude praticamente la partita.

Sul 2-0 la partita ha poco altro da dire, ma nel finale la Roma trova il 3-0 su contropiede condotto magistralmente da Nainggolan, il quale serve un assist d’oro a Pellegrini che si toglie una bella soddisfazione personale e va a festeggiare di fronte alla Curva Sud.

Termina 3-0 per i giallorossi che consolidano il terzo posto e martedì sono attesi da una sfida importantissima in Champions League: il ritorno degli ottavi di finale contro lo Shakthar. Si partirà dal 2-1 dell’andata in favore degli ucraini e questa Roma sembra avere tutte le carte in regola per superare il turno e classificarsi tra le 8 migliori squadre d’Europa.

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO