23.8 C
Napoli
giovedì, 26 Maggio 2022

Tragedia al cimitero: va a seppellire la sorella e muore

Da non perdere

Tragedia al cimitero: va a seppellire la sorella, poi visita i genitori ed infine muore. Una girandola di emozioni tutte d’un fiato possono essere state fatali. Una sequenza di ricordi che hanno giocato un brutto scherzo ad Antonino Salerno. L’uomo ha perso la vita colpito da un malore improvviso.

Si conclude nel peggiore dei modi la vita di quest’uomo gentile. Stimato e benvoluto era al cimitero di Rotoli per compiere il suo dovere di fratello ed assistere alla tumulazione della sorella scomparsa da pochi giorni.

Tragedia al cimitero: i fatti non lasciano spazio ad interpretazioni

Antonino Salerno aveva compiuto 65 anni, è morto al cimitero dei Rotoli a Palermo. L’uomo si era recato nel camposanto per la tumulazione della sorella. Una volta terminato il triste rito, ne approfittava anche per andare a visitare la visita del padre e della madre.
Alla vista della tomba degli amati genitori e al pensiero del distacco forzato dalla sorella, concluso con la tumulazione di pochi minuti prima, gli è praticamente venuto a mancare il respiro. Si è guardato intorno come a cercare aiuto e poi è caduto sul pavimento.

Della situazione si accorgono gli operai di servizio al cimitero e gli altri visitatori. Provano a fare qualcosa. Ma probabilmente è già troppo tardi. Non resta che chiamare i soccorsi.

Arrivano in tempi brevissimi i sanitari del 118 e dopo alcuni tentativi di rianimarlo hanno constatato la morte. Sono intervenuti gli agenti della polizia di Stato. Il medico legale dopo l’ispezione conferma le cause naturali del decesso. La salma è stata restituita ai familiari che a loro volta dovranno sottoporla al rito pietoso della sepoltura, facendolo restare nei pressi dell’amata sorella e degli adorati genitori.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli