Torna albero Rubacchio nella Galleria Umberto

Torna Rubacchio, dopo l'ennesimo furto.

Si sta avvicinando il periodo natalizio e, come da tradizione, fervono i preparativi  per addobbare la città di Napoli. Un simbolo tipico natalizio è l’albero di Natale, che, puntualmente, ogni anno, viene installato al centro della Galleria Umberto e che, puntualmente, viene poi rubato ogni volta, poco dopo esser stato preparato. Proprio per questo motivo, è stato chiamato con il nomignolo di Rubacchio.

L’albero Rubacchio non solo è simbolo del Natale nella città di Napoli, ma è anche occasione, per tutti i bambini e coloro legati alle tradizioni, di poter esprimere un desiderio, scrivendolo su un bigliettino e appenderlo ai rami dell’albero.

E così che l’albero viene pian piano “addobbato” proprio dai desideri e sogni dei passanti ed è questa la sua caratteristica, nessun addobbo tradizionale, solo bigliettini che contengono desideri. Proprio per questo motivo affascina ed è polo di attenzione per i turisti.

Anche quest’anno, purtroppo, la storia si è ripetuta, ed infatti, dopo aver posizionato l’albero nell’apposita postazione, ha avuto “vita breve”, in quanto, poco dopo, è stato già derubato. Ma, anche stavolta, i commercianti della Galleria Umberto non si sono fatti scoraggiare dall’ennesimo furto e hanno provveduto a installare un altro albero.

Molte sono state le iniziative affinché non si rubasse più l’albero, appelli e provvedimenti, come quello di chiudere l’accesso alla Galleria durante le ore notturne, mediante alcune cancellate, proprio per prevenire ed impedire l’accesso a malintenzionati e criminali che, di notte, possano accedervi più facilmente.

Ma, a quanto pare, almeno per ora, nonostante i provvedimenti presi, non ci sono stati grossi risultati. Per il momento l’albero natalizio Rubacchio è di nuovo presente al centro della Galleria e chiunque voglia adornarlo con un proprio bigliettino può farlo, sperando che non ci siano di nuovo brutte sorprese e chi adorni la Galleria fino alla fine delle festività natalizie.

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO