20.9 C
Napoli
mercoledì, 28 Settembre 2022

“Tette delle monache”: il gusto sopraffino della pasticceria pugliese

La gola rientra a pieno titolo nei sette peccati capitali. A questo proposito, la pasticceria pugliese, ricca di proposte interessanti, comprende un dolce che delizierà i più golosi.

Da non perdere

La Puglia, una terra accogliente, calorosa, che vanta un’ampia tradizione dolciaria. I sapori tipici della regione, sino a giungere al Salento, delizieranno i palati più esigenti. Tra i tanti dolci presenti nel repertorio pugliese, ce n’è uno che si distingue per la forma alquanto originale, nonché per il sapore sopraffino. Stiamo parlando delle “Tette delle monache”, note anche come sine o sospiri, per i più pudici.

Tette delle monache: un dolce con una storia antica

Secondo alcune leggende, questo dolce sarebbe nato nell’altra Murgia e, successivamente, si sarebbe diffuso in tutta la Puglia, in Basilicata ed anche in Abruzzo.

Il dolce consiste, in effetti, in un soffice guscio di Pan di spagna, ripieno di una generosa dose di crema chantilly e cosparso di zucchero a velo.

La caratteristica forma, che ricorda un seno, si deve alla puntina presente al centro del dolce. Pare che tutto sia nato dall’errore di una monaca, che durante la preparazione di un pan di spagna, avrebbe ottenuto questa forma “a punta”. L’errore sarebbe stato notato da un passante, che avrebbe detto, nel dialetto locale: “le monne de le suor”.

Al contrario, stando ad altre leggende, le sine delle suore, sarebbero nate per rendere omaggio a Sant’Agata, compatrona di Gallipoli, alla quale fu strappato un seno, per aver ceduto alle profferte del proconsole romano, Quinzano.

La leggenda vuole che, proprio ad Altamura, ci fosse un presidio di suore in possesso della ricetta originale.

Ingredienti

-Per le tette delle monache
-200 g Farina Africano mix
-260 g uova (circa 6/7)
-50 g zucchero a velo (per spolverizzare)

Per la crema pasticcera

-500 ml latte
-50 g farina 00
-140 g zucchero
-4 tuorli

Strumenti

-20 Pirottini (da muffin usa e getta)
-1 Sac a poche (anche usa e getta)

Preparazione

Cominciamo preparando le tortine di Pan di spagna. Unite le uova intere allo zucchero a velo e al Mix Africano in una ciotola e montate con le fruste elettriche per circa 10/ 15 minuti, fin quando saranno ben montate e il composto prenderà un colore chiaro.

Mettete il composto nella sac a poche usa e getta, poi tagliate la punta.

Prendete gli stampini da muffin usa e getta e con il sac a poche mettete una parte di impasto.

Fate cuocere le tortine di pan di spagna in forno preriscaldato ventilato a 180° per 20 minuti, fino a a quando si saranno dorate in superficie.

Sfornate le tette delle monache, attendete che si raffreddino completamente.

Ora, passiamo alla preparazione della crema per la farcitura. In una ciotola, mettete i tuorli e lo zucchero, e aggiungete la farina.

Mescolate rapidamente con una frusta a mano e, se preferite, aggiungete un po’ di vaniglia. Fate scaldare leggermente il latte.

Unite tutto il latte e mescolate con la frusta a mano energicamente, per evitare che si formino grumi.

Spostate il composto in una pentola e accendete il fuoco.

Fate cuocere la crema pasticcera, mescolando di continuo, fino a quando si sarà addensata.

Quando la crema sarà densa, toglietela dalla pentola e spostatela in una ciotola coperta da pellicola trasparente, in modo che si raffreddi.

Completiamo la preparazione con la farcitura. Prendete la crema pasticcera e mettetela nella sac a poche con il beccuccio.

Prendete una tortina di pan di spagna alla volta, capovolgetela e fate un buco al centro, poi infilate il sac a poche e premete, farcendo con la crema pasticcera.

Riempite in questo modo tutte le tette delle monache, poi ricopritele con lo zucchero a velo.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli