31.6 C
Napoli
mercoledì, 6 Luglio 2022

*TEST DI GRAVIDANZA PER CONCORSO NEI VIGILI. UNARMA: “LA DISCRIMINAZIONE È UN REATO”*

Da non perdere

*TEST DI GRAVIDANZA PER CONCORSO NEI VIGILI. UNARMA: “LA DISCRIMINAZIONE È UN REATO”*

“Sono trascorsi oltre 60 anni da quando la prima donna italiana si presentò a un concorso pubblico per intraprendere la carriera prefettizia. Gli anni di Rosa Oliva sono un ricordo lontano, ma purtroppo le colleghe delle Forze dell’Ordine devono ancora guadagnarsi il diritto di meritarsi la divisa come se fossimo fermi al passato” – così Antonio Nicolosi, segretario generale di Unarma, il più antico sindacato nazionale dell’Arma dei carabinieri, in prima linea per i diritti delle divise e per le pari opportunità nelle Forze Armate – “Non è concepibile che nell’era moderna delle cittadine debbano esibire per esempio il test di gravidanza per partecipare a un concorso pubblico come comandanti dei vigili, come successo pochi giorni fa in alcuni comuni del torinese. Dichiarare una gravidanza non è un obbligo, imporlo rappresenta una grave violazione della privacy, troviamo questo atteggiamento discriminatorio e vetusto perché continua a sostenere uno stile di vita per cui chi fa parte delle Forze dell’Ordine non possa conciliare il lavoro con il desiderio di avere una famiglia, per cui come UNARMA ci battiamo ogni giorno. Ricordiamo che nei paesi del Nord Europa, come in Norvegia, la maggior parte dei detective per esempio sono donne, mentre qui in Italia esiste già una sentenza del Consiglio di Stato del 2021, per cui la donna in gravidanza non può essere esclusa dai concorsi pubblici né discriminata. La discriminazione è un reato anche se a compierla sono le istituzioni”.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli