4shared
13.3 C
Napoli
domenica, 28 Novembre 2021

Tableaux Vivants al Museo Diocesano di Napoli

Da non perdere

Giusi Cioccolanti
Studia Nuove Tecnologie dell'Arte presso Accademia di belle arti di Napoli. Freelance photographer. Donna. 24 anni. Creativa. Collaboratore XXI secolo

Tornano con nuove incredibili performance i Tableaux Vivants al Museo Diocesano di Napoli.  Si tratta di veri e propri “Quadri viventi”, tratti dalle opere di uno dei più celebri pittori italiani: Michelangelo Merisi noto anche come il Caravaggio.

Personaggio dal grande talento, Caravaggio, nella sua breve vita (morì a 39 anni), visse per due volte a Napoli sia nel 1606, quando vi rimase per un anno ai Quartieri Spagnoli, sia nell’ultimo periodo della sua attività, nel 1609, quando ritornò a Napoli rimanendovi fino al 1610. I suoi quadri sono stati realizzati tra il 1592 (prima opera conosciuta – “Ragazzo che monda un frutto” – conservata a Firenze) e il 1610 (ultima opera conosciuta – “Martirio di Sant’Orsola”, realizzata e conservata a Napoli) poche settimane prima della sua drammatica morte avvenuta a Porto Ercole. Tante delle sue magnifiche opere sono state realizzate in città nei due periodi in cui l’artista vi ha vissuto.

Caravaggio_-_Cena_in_Emmaus

Presso il Museo Diocesano di Largo Donnaregina a Napoli verranno riproposti i Tableaux Vivants: Quadri viventi in cui attori o modelli d’artista vengono opportunamente mascherati per rappresentare la scena di un quadro. Per tutta la durata della visione, gli attori non parlano e non si muovono: l’approccio si sposa perfettamente con le forme d’arte della pittura e della fotografia.

Caravaggio_-_Giuditta_che_taglia_la_testa_a_Oloferne_(1598-1599)

Otto talentuosi attori riprodurranno ben 21 dei più celebri quadri dell’artista lombardo. Per restituire fedeltà alla tecnica pittorica del Merisi, un unico fascio di luce naturale illuminerà dolcemente la scena, focalizzando l’attenzione sugli attori e conferendo alla performance realismo e drammaticità. Uno spettacolo di grande impatto emotivo che prende forma sotto gli occhi degli spettatori. Oltre gli otto attori, oggetti comuni e stoffe drappeggiate contribuiranno a rendere ancora più suggestiva e veritiera la rappresentazione artistica. Infine, a conferire pathos alla scena saranno delle incredibili composizioni di musica classica in sottofondo che condurranno gli spettatori in un luogo magico, tra sogno e realtà.

Tableaux Vivants al Museo Diocesano di Napoli (Largo Donnaregina): le date fino a giugno 2016

  • 10 – 24 gennaio 2016
  • 14 – 28 febbraio 2016
  • 13 – 27 marzo 2016
  • 17 – 24 aprile 2016
  • 8 – 22 maggio 2016
  • 12 e 26 giugno 2016
image_pdfimage_print

Ultimi articoli