25.4 C
Napoli
lunedì, 3 Ottobre 2022

La storia della Concordia per bambini

Da non perdere

Deborah Santorohttps://www.21secolo.news
Laureanda in Archeologia e Storia delle Arti presso l’Università Federico II di Napoli, ama riportare alla luce la storia dei luoghi del passato, senza tralasciare miti e leggende, considerate parte importantissima della cultura popolare. Amante delle arti culinarie, si diletta ai fornelli. Crede nel giornalismo al servizio della verità e ad essa si presta.

Chi non ricorda il dramma che il 13 Gennaio del 2012 si è consumato nelle acque che circondano l’Isola del Giglio quando la Costa Concordia, guidata dal comandante Francesco Schettino, urtò uno scoglio riportando una falla lunga circa 70 metri con conseguente naufragio. Quella tragedia, in cui  32 persone persero la vita e altre 110 rimasero ferite, è destinata a passare alla storia come una triste vicenda che tutti ricorderemo sempre con grande dolore.

Eppure i più piccoli quella storia non potranno ricordarla a meno che non la si racconti loro. Ma qual’è il modo giusto per farlo?  Riesce in questo arduo compito un originalissimo esperimento, un libro illustrato per bambini dal titolo “Oltre lo Scoglio” che narra la tragedia attraverso parole poetiche e immagini digitali dal forte potere evocativo, anche attraverso un sapiente uso dei cromatismi. Il libro, dedicato alla piccola Dayana Arlotti, una delle 32 vittime del naufragio inghiottite dal mare in quella tragica notte di Gennaio, è edito dalla casa editrice L’Orto della Cultura e si presenta come un’opera a più mani.

Il libro nasce da un’idea di Lorella Rotondi, poetessa e scrittrice residente in Toscana impegnata in una didattica attenta a temi civici e sociali, che ha ricevuto un pronto sostegno da parte della friulana Laura Nicoloso, maestra a Bordano, e dalla giovane linguista veronese Karin Martin. Attraverso una sapiente unione tra versi e immagini, realizzate dal giovane graphic designer Daniele Frattolin, sono riusciti a ricostruire gli attimi immediatamente prima e dopo il dramma in un modo lieve adatto ai bambini.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli