ST.AR.T, due giorni dedicati alla street art a Napoli

Iniziato ieri ST.AR.T – Street art, Comunità e Territorio. Due giorni dedicati alla street art e al territorio. L’evento continuerà anche oggi, sabato 9 febbraio, ai Quartieri Spagnoli di Napoli, presso FOQUS (Fondazione Quartieri Spagnoli onlus); uno spazio in cui si pratica un nuovo modo di concepire l’economia e di intendere le politiche sociali.

ST.AR.T è un “non convegno”. Il programma è di porre nuove domande sul tema del rapporto tra Street Art, comunità e territorio. Un modo innovativo per sollecitare la riflessione e definire il quadro d’analisi, cercando di far emergere questioni su cui esercitare il ragionamento collettivo.

La Street Art è un campo artistico ormai maturo in cui è possibile rintracciare varie tendenze, processi, prospettive; una vera e propria storia ed evoluzione. La Street Art ha un suo elemento costitutivo nella relazione. L’obiettivo di ST.AR.T è proprio mettere in contatto i molteplici attori di questa relazione creativa.

Eventi, incontri e performance nella cornice dei Quartieri Spagnoli, con la partecipazione dei vari street artist e dei ragazzi del progetto Guerilla Spam; un progetto per realizzare, assieme ai gruppi del territorio, una nuova edicola votiva, un tabernacolo religioso-laico contemporaneo che contiene cose, oggetti, idee e personaggi di ogni genere.

Performance, live painting, musica, installazioni accompagneranno l’evento. Tra i nomi degli street artist, 400ML, Bereshit e Palomart, IABO, Xel, Luigi Loquarto.

Con l’ambizione di parlare alla nazione partendo dai quartieri e all’Europa partendo dalle città, ST.AR.T si definisce un processo che riesce a facilitare il dialogo tra i livelli diversi dell’ecosistema culturale che produce la Street Art. E Napoli è miniera di devianze produttive. È un laboratorio di sperimentazioni radicali e popolari; una città capace di comporre gli opposti, contenere i punti di vista e accogliere qualsiasi tipo di divergenze.

Due giorni quindi, di dibattiti ed eventi gratuiti.

Print Friendly, PDF & Email

more recommended stories