27.8 C
Napoli
venerdì, 19 Agosto 2022

La spugnatura che cambia la parete

Da non perdere

È il momento di ravvivare la casa con qualche decorazione particolare ma non vi vengono proprio idee nuove? Avete pensato ad una spugnatura? No, non ha nulla a che fare con le saune ma è un tipo di pittura con cui si può decorare una parete. Ora vi spieghiamo meglio.

Spugna
Spugna

La spugnatura è una tecnica di decorazione murale che vede l’uso, per l’appunto, di una spugna sia naturale che sintetica. L’effetto finale è meraviglioso e crea giochi sulla parete che incantano al primo sguardo. Realizzarla è davvero semplice e si può tranquillamente fare da soli senza l’aiuto di un esperto perché basterà dipingere la parete in questione con una pittura a tinta base di proprio gusto e poi passare alla spugnatura intingendo la spugna in una vernice dello stesso colore ma di una tonalità diversa -oppure di un colore che si contrappone alla base – e tamponarla poi sulla parete senza farla colare.

La particolarità è che non viene uguale sempre, nel senso che in base al tipo di spugna utilizzata anche l’effetto apparirà diverso: se la spugna è industriale, ad esempio, la pittura alla parete risulterà più uniforme ed omogenea a differenza della spugna naturale che donerà una meravigliosa irregolarità alla parete decorata.

Effetto spugnatura
Effetto spugnatura

In genere, avendo un po’ l’effetto “caotico“, questo tipo di decorazione viene realizzato solo su una parete di un ambiente. Ciò significa che le pareti saranno tutte dipinte uguali ma solo una fungerà da punto focale della camera con la spugnatura. In soggiorno, ad esempio, è particolare la parete che sovrasta il divano, come in camera sarà quella del letto. In cucina si può scegliere la parete del tavolo oppure, se ci sono, due pareti poste una di fronte all’altra. In bagno, tante volte, se rivestito con mattonelle ad una mezza altezza, la spugnatura si può realizzare anche su tutte le pareti fin su al soffitto.

Ultima notizia sulla spugnatura: può essere realizzata anche sugli arredi. Il legno, ad esempio, basterà levigarlo con della carta vetro ma attenti alle ceramiche perché in tal caso hanno bisogno di prodotti particolari e non semplice vernice ad olio acrilico.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli