4shared
11.2 C
Napoli
lunedì, 29 Novembre 2021

Spagna, spunta struttura monolitica

Spagna, sotto le acque del bacino di Valdecañas è stato scoperto un reperto di 4.000 anni, un cerchio di pietre simile a Stonehenge

Da non perdere

Emanuele Marino
Giornalista pubblicista, nonché studente universitario iscritto alla facoltà di Lettere Moderne presso l'Università degli studi di Napoli Federico II

Spuntato in Spagna, sommerso dalle acque del bacino idrico di Valdecañas un antico cerchio di pietre molto simile a Stonehenge. 

Il rinvenimento è avvenuto a seguito dei mesi di siccità che hanno colpito la Spagna, che hanno portato alla riemersione, nella sua interezza del reperto, del quale glli esperti erano già a conoscenza.

Discussioni in atto riguardo il da farsi, molti propongono di spostare le pietre per preservarle, altri sono più propensi a lasciarle dove sono state trovate, per essere poi ricoperte nuovamente dall’acqua.

Il cerchio monolitico è composto da 150 pietre, costruito durante l’età del rame o del bronzo sulle rive del fiume Tago, si differenzia da Stonehenge per un aspetto fondamentale, potrebbe infatti trattarsi di una tomba o un rifugio chiamato dolmen, piuttosto che di un tempio o luogo di analisi astrologica, anche se alcuni simboli di forma umana e una sorta di serpente scolpiti all’ingresso suggeriscono che il posto possa essere stato usato come luogo di culto.

“Avevo visto parti di esso spuntare dall’acqua prima, ma questa è la prima volta che l’ho visto per intero. È spettacolare perché ora si può apprezzare l’intero complesso per la prima volta da decenni. Le pietre, che sono di granito e quindi porose, stanno già mostrando segni di erosione e screpolature, quindi se non agiamo ora potrebbe essere troppo tardi, devono essere trasferite in un luogo sicuro, sia per ulteriori ricerche che per rafforzare il turismo locale”, afferma Angel Castaño, presidente dell’Associazione culturale Roots of Peraleda.

Molti non sono d’accordo con questa affermazione, come l’archeologa Bueno Ramirez, la quale afferma che “spostare le pietre, potrebbe danneggiarle ulteriormente. Potrebbe costarci soldi – riferendosi all’opportunità di far diventare le pietre un’attrazione turistica- ma abbiamo già una delle cose più difficili da ottenere: questo incredibile monumento storico”.

La scoperta risulta essere senz’altro importante, riguardo al destino dello Stonehenge ritrovato in Spagna, però ancora nulla si può dire, si attendono ulteriori notizie in futuro al riguardo.

 

image_pdfimage_print

Ultimi articoli