4shared
20.3 C
Napoli
giovedì, 28 Ottobre 2021

SOLD OUT per “Teatro in Pillole”

Da non perdere

Enorme successo del primo appuntamento della stagione 2016 di Teatro in Pillole. Ieri sera alla Casa di ù nel quartiere Vomero di Napoli,  l’evento ha riscosso un importante feedback con la platea composta perlopiù da over 45.

Dopo un breve momento di aggregazione e ristoro eno-gastronomico, a dare il via allo show l’introduzione dell’organizzatrice, Stefania Russo che, oltre a condurre e presentare gli attori, l’ospite ufficiale Marcello Cozzolino e il regista Diego Sommaripa per questa volta spettatore, ha anche motivato la scelta dell’incipit e della location.

Stefania Russo e Marcello Cozzolino
Stefania Russo e Marcello Cozzolino                   ph. Paolo Vitale

Il tema sta a ricordare a tutti che le favole non sono solo per i bambini ma anche e soprattutto, per gli adulti che ogni tanto hanno bisogno di respirare un po’ di magia.  Argomento  particolarmente indicato per il locale scelto poiché già nell’insegna si nasconde una fiaba. Si racconta che il Principe ù di Ulandia dopo aver girato tutto il mondo è rimasto folgorato dalla bellezza di Napoli tanto da mettere radici. Ogni attore ha interpretato il tema in chiave strettamente personale. Partendo dalla categoria amatoriali a rompere il ghiaccio è stato il racconto futuristico scritto e interpretato da Giuseppe Cerasulo che ha abilmente giocato con la somiglianza di alcuni vocalizzi della lingua francese e quella napoletana, il tutto armonizzato dalla voce e dal sottofondo musicale di Francesco Palma. A seguire Carlo Alfaro  ha portato in scena una versione di Cenerentola rivisitata ai giorni nostri con una buffa fata turchina dalla bacchetta spelacchiata e una matrigna milf. Un’interpretazione deliziosa  dell’attore, Giorgio Cipriani che ha recitato la famosa poesia “Biancaneve” di Giobbe Covatta curata nei minimi dettagli, tanto da aggiudicarsi il favore dell’ospite d’onore Marcello Cozzolino il quale ha giustificato il suo voto  affermando che: “Cipriani ha il talento di giocare con vocine e tempistiche da fare invidia a grandi nomi del teatro”.  A chiudere la categoria una new entry, la compagnia “Sott ‘e ncoppa” di Vincenzo Cuccillato in una performance dal titolo “Castelli in aria”.

È scoccata la mezzanotte ma la festa non è ancora finita anzi, si passa alla categoria professionisti i quali hanno avuto tutti un comune denominatore: riuscire a far diventare il pubblico parte integrante dello sketch. In primis i Delirio Creativo che, grazie agli interventi del pubblico, hanno costruito una storia di uccellini  dai capelli rossi  che scalano le montagne per fare un po’ di satira calcistica.  Il Mago Francesco che ha fatto nascere l’amore, o quasi, fra due ragazzi del pubblico chiamati a fare i suoi assistenti e dulcis in fundo i Coffee Brecht che hanno interpretato la favola di Pinocchio (scelta in accordo con gli spettatori) in un’originalissima versione mafiosa improvvisata. “Un vero esempio di teatralità nuda, senza filtri, capace di giocare con gli imprevisti e le voci fuori campo” commenta Cozzolino riferendosi ai Coffee Brecht, i quali si aggiudicano il favore unanime del pubblico e dell’ospite per la categoria Professionisti,  vincendo insieme a Cipriani i biglietti per lo spettacolo “Breviario del caos” offerto dallo sponsor Galleria Toledo.

 

image_pdfimage_print

Ultimi articoli