4shared
24 C
Napoli
domenica, 25 Luglio 2021

Sjögren: sindrome autoimmune e sintomi

Essa consiste in una patologia infiammatoria, dovuta a un'anomalia del sistema immunitario

Da non perdere

La settimana che va dal 19 luglio al 23 luglio 2021 sarà dedicata alla Sindrome di Sjögren. Infatti, questa settimana servirà a sensibilizzare i cittadini su questa sindrome, di cui non tutti sanno.

Dunque, che cos’è la sindrome di Sjögren? Essa consiste in una patologia infiammatoria, dovuta a un’anomalia del sistema immunitario. Tale patologia colpisce le ghiandole esocrine, in particolare quelle salivari e lacrimali.

Pertanto, questa malattia autoimmune comporta la riduzione di produzione di saliva e lacrime. Quindi, i pazienti avranno secchezza agli occhi, alla bocca e alla vagina.

Attualmente le cause della sindrome di Sjögren non si conoscono. Dagli studi è emerso che incidono molto fattori genetici e ambientali. Nonostante sia conosciuta da pochi, essa risulta essere una patologia abbastanza comune.

In questa settimana, molte strutture ospedaliere hanno attuato visite gratuite. Ad esempio a Siena, l’azienda ospedaliero-universitaria senese ha garantito visite e consulti gratuiti in occasione della giornata mondiale della sindrome di Sjögren.

Nel luglio del 2019 a Salerno, l’associazione nazionale italiana malati sindrome di Sjögren in un convegno si è confrontata con i rappresentanti della comunità scientifica e con le istituzioni per sollecitare interventi adeguati per chi soffre di questa patologia.

Lucia Marotta, presidente dell’associazione nazionale italiana malati sindrome di Sjögren ha chiarito che il bisogno principale di chi è affetto da tale patologia è avere una diagnosi in tempi brevi in modo da iniziare trattamenti tempestivi.

Inoltre, tale associazione ha collaborato per stendere un percorso diagnostico-terapeutico assistenziale dato che tale sindrome necessita di essere trattata da vari specialisti come:

  • reumatologo,
  • odontoiatra,
  • dermatologo,
  • oculista,
  • ginecologo.

Tuttavia, si chiarisce che attualmente  esso resta un documento teorico in quanto non viene utilizzato dalle regioni italiane. A tal proposito, la Marotta ha dichiarato che i pazienti sono costretti a costruirsi da soli il loro percorso di cura andando da un medico all’altro.

Infine si ricorda che in Italia, tale patologia è presente nell’elenco delle malattie croniche e invalidanti che danno diritto all’esenzione del ticket per le prestazioni sanitarie.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli