sabato 22 Giugno, 2024
27.6 C
Napoli

Articoli Recenti

spot_img

Siracusa, in arrivo al Teatro Greco il Miles gloriosus

Il 13 giugno arriverà sul palco del Teatro Greco di Siracusa, una commedia tanto divertente quanto immortale: si tratta del Miles gloriosus, commedia scritta da Plauto. Lo spettacolo diretto da Leo Muscato verrà riproposto sempre a Siracusa fino al 29 giugno e verrà alternato un’altra rappresentazione, Fedra di Euripide, diretta da Paul Curran nella traduzione di Nicola Crocetti. È la prima volta che la commedia plautina, nella traduzione di Caterina Mordeglia, viene messa in scena al Teatro Greco. Si tratta inoltre della terza rappresentazione prodotta dalla Fondazione Inda.

Parola al regista

Ci stiamo divertendo da pazzi e vogliamo anche far divertire. Ma vogliamo offrire anche una riflessione. E il finale vi farà commuovere” queste le parole del regista che continua raccontando i dettagli di quello che sarà lo spettacolo. “Siamo in una commedia degli equivoci e degli inganni e qui le guerre paiono un’ipotesi fantastica e i militari sembrano boyscout che giocano alla guerra”. Si tratterebbe di una storia ambientata in un mondo militare, dove però aleggia una guerra invisibile, in cui il mondo contemporaneo viene reinventato.

La storia del Miles gloriosus

Il Miles gloriosus è ambientato in un accampamento militare indisciplinato e chiassoso. A comandare questo pittoresco accampamento è un personaggio particolare, l’emblema del soldato fanfarone, Pirgopolinice che ha ispirato nei secoli molti altri personaggi. Così come altre commedie plautine hanno ispirato altre tipologie di personaggi.

L’attrice protagonista

Il regista ha scelto come protagonista Paola Minaccioni, popolare volto del cinema, della tv e del teatro che ha mostrato il suo entusiasmo per questa produzione: “Sono onorata di essere qui, credo sia un sogno per tutti gli attori essere consacrati in questo luogo e farlo con la regia di Leo Muscato è veramente un regalo. Mi ritrovo a interpretare questo potere autocratico maschile e quindi a poter prendere in giro anche tutte le forme di potere che in questo momento stanno avendo purtroppo la meglio”.