4shared
8.5 C
Napoli
venerdì, 21 Gennaio 2022

Sindaco sospeso: de Magistris in strada

Da non perdere

Alessandro Bottone
Collaboratore XXI Secolo.

De Magistris supervisiona i lavori della Metro

Lo aveva detto sin dai primi momenti, anche quando la possibilità di sospensione era del tutto campata in aria: “Se mi sospendono sarò in strada insieme ai cittadini”. Parliamo di Luigi de Magistris, sindaco di Napoli, “sospeso” dalle sue funzioni e momentaneamente sostituito dal Vicesindaco Tommaso Sodano. Sono trascorsi venti giorni dalla sospensione ratificatagli dal Prefetto di Napoli, così come vuole la legge. Approfittando del maggior tempo de Magistris ha deciso di scendere in strada, ricordando i tempi della campagna elettorale e dell’entusiasmo del movimento arancione.

De Magistris sul camion dell’Asia

Grazie a frasi e foto pubblicate sul profilo ufficiale facebook proviamo a ricostruire le sue ultime settimane. Partiamo da ieri:i in mattinata ha visitato la scuola Enrico Toti nel quartiere Ponticelli, la terza visita in quella scuola; alle 12, invece, era di nuovo nel centro città dove ha salutato gli attivisti della nave di Greenpeace, con tanto di foto a bordo. “Sono un sostenitore di Greenpeace, ho la loro tessera da molti anni, sostengo le loro lotte per l’ambiente, per il clima, per l’energia”, commentando la sua visita sulla Rainbow Warrior 3.0.

Luigi De Magistris
De Magistris cantante per un giorno

Più denso il programma del 22 ottobre: due giorni fa, infatti, il Sindaco è sceso ulteriormente tra i cittadini. Alle 8:45 era tra le centinaia di persone che utilizzano la linea 1 della metropolitana di Napoli. Con il metrò ha raggiunto gli studenti della Seconda Università di Napoli che lo attendevano nel centro storico, poi ha seguito un workshop insieme a studenti stranieri; a seguire l’incontro con i dipendenti dei servizi cimiteriali a Poggioreale e la visita ad un’azienda privata. Nel pomeriggio, invece, la visita al teatro Trianon e con agli attivisti dell’associazione ‘I love Porta Capuana’. Ma l’incontro che ha avuto il maggior successo mediatico è sicuramente stato quello della notte tra il 21 e 22: con tanto di pettorina catarifrangente, de Magistris ha perlustrato le vie del centro città relativamente al problema della spazzatura. Insieme a lui il numero uno di ASIA Napoli, Raffaele Del Giudice. Dopo aver incontrato gli LSU partenopei della cooperativa ’25 Giugno’, nel pomeriggio del 20 ha parlato con gli operatori del trasporto su gomma: “Abbiamo aperto una riflessione sulle problematiche del trasporto su gomma”, ha poi commentato.

cinque
De Magistris e il problema trasporti su gomma

Il giorno prima era stato a Poggiorale insieme ai mercatari: “Rispetto chi voleva una estensione del centro direzionale abbiamo salvaguardato il mercato riqualificandolo, non facendo perdere il lavoro a cinquecento famiglie”. Il 18 ottobre le tappe sono state San Carlo Arena (insieme agli operatori ASIA), Stella e San Lorenzo, Porto e Chiaia per la presentazione del libro di Patrizio Oliva. Il 17 ottobre ha visto Luigi de Magistris cantante per un giorno presso la “Suono Libero Music”, una etichetta nata grazie all’Assessorato alle politiche giovanili. “Ho visitato il cantiere della metro linea1 stazione Municipio. Siamo a buon punto, parte della piazza è pavimentata e presto le prime uscite saranno terminate”, ha scritto il sindaco il giorno 15 ottobre, contento delle migliorie al cantiere e dell’annunciata apertura a dicembre. Una folla convinta l’ha accolto durante la Notte Bianca organizzata dai commercianti del Vomero lo scorso 11 Ottobre, incitandolo a non mollare dopo il peso della sospensione. Insomma, in tre settimane Luigi de Magistris ha girato la città e visitato realtà diverse. Ha potuto toccare con mano molti problema della realtà partenopea e ha potuto, soprattutto, ascoltarsi le persone che vivono quotidianamente queste situazioni.

Luigi De MagistrisProssimamente il sindaco sospeso sarà ancora impegnato sul territorio, fanno prefigurare gli annunci. Un blog lo aiuterà a comunicare i suoi spostamenti, anche per fare, di volta in volta, dei resoconti. Insieme all’ultima trovata di  Palazzo San Giacomo:  la creazione di “card”, lanciate in rete, con le quali l’amministrazione intende fare informazione e  ricordare ai cittadini quelli che sono stati i progressi negli anni della legislatura arancione.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli