Sigarette di contrabbando, maxi sequestro a Mondragone

Maxi sequestro a Mondragone in provincia di Caserta dove un uomo di 29 anni è stato denunciato per contrabbando di sigarette. Nella sua abitazione ritrovate 200 stecche.

sigarette_21_secolo_Vittoriaalessiamenna
sigarette

Questa mattina gli agenti della Guardia di Finanza della compagnia di Mondragone, provincia di Caserta, hanno fermato presso l’ingresso dei cosiddetti “Palazzi Cirio” un uomo, D.A. di 29 anni già noto alle forze dell’ordine.

In quella zona c’era già da qualche mese un fiorente traffico di sigarette di contrabbando, vendute agli angoli di strada proprio come avveniva nel boom di molti anni fa. Il posto è diventato degradante e proprio questo complesso residenziale in poco tempo si è trasformato nel covo dei contrabbandieri. Questi uomini, di cui molti sono di origine dell’est Europa, procurarono la merce direttamente dai loro paesi per poi rivenderla qui in Italia.

Gli uomini delle fiamme gialle hanno ritrovato proprio all’ingresso del parco un mazzo di chiavi, che poi risultava essere appartenente al soggetto arrestato. La casa, situata all’undicesimo piano del palazzo è stata accuratamente ispezionata; all’interno sono stati rinvenuti quattro grandi imballi di casse di sigarette, già però rivendute, con un totale di 200 stecche. Questa è stata la prova schiacciante per dimostrare che quel posto veniva utilizzato come deposito per il contrabbando. 

Dopo alcune ricerche, si è inoltre scoperto che l’appartamento incriminante è stato in passato affittato ad un altro contrabbandiere dall’anno 2013 fino al 2017. I finanzieri guidati da Silverio Papis, dopo aver sequestrato tutta la merce e l’appartamento hanno denunciato il giovane. I provvedimenti presi sono stati poi convalidati presso l’autorità giudiziaria di competenza. 

Proprio qualche ora fa, gli uomini della Guardia di Finanza hanno concluso un’altra operazione chiamata “Vicerè” dove hanno arrestato 9 persone accusate di contrabbando di sigarette, frode fiscale, trasporto abusivo di esplosivo, sottrazione al pagamento delle accise sull’alcool e possesso di documenti falsi. 

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO