Sicilia, maestra arrestata per maltrattamenti

È stata arrestata con l’accusa di maltrattamento nei confronti degli alunni della sua classe la maestra 60enne, insegnante presso la scuola dell’infanzia ‘ Gianni Rodari ‘ a Milena, in provincia di Caltanissetta, Sicilia ed attualmente agli arresti domiciliari.

La donna è stata arrestata dai carabinieri del nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Mussomeli e all’ausilio dei  colleghi della stazione di Milena, dopo un’attenta indagine scaturita dalle segnalazioni dei genitori dei bambini, di un’eta compresa tra i 3 e i 5 anni, suoi alunni.

Il Gip del tribunale di Caltanissetta ha emesso il provvedimento su richiesta del Pubblico Ministero, alla fine delle indagini svolte poco più di un mese fa a fronte delle segnalazioni dei maltrattamenti presso l’infanzia della scuola Gianni Rodari.

Dalle indagini svolte dai carabinieri, grazie all’ausilio della telecamera nascosta all’interno della scuola in cui svolgeva servizio la 60enne, sono emersi tutti i maltrattamenti ai danni delle piccole vittime.

Gli investigatori hanno spiegato: “Il quadro che emergeva sin dal primo giorno di riprese ha confermato l’ipotesi accusatoria.

Infatti, secondo quanto documentato dalle immagini, l’insegnate teneva atteggiamenti violenti, nei confronti dei bambini, quasi tutti i giorni tanto che, tali atteggiamenti, seguiti da urla, percosse, minacce e punizioni, avevano portato, all’interno della classe, alla creazione di un clima di terrore.

Questo atteggiamento violento, che può essere definito come il lato oscuro dell’istruzione, sembra, negli ultimi anni, andare crescendo.

Di fatti, dopo poche ore dall’arresto dell’insegnante in Sicilia, viene alla luce un nuovo caso di maltrattamenti su minori a Siena, dove un’educatrice 52enne, che gestiva un nido privato è stata arrestata con lo stesso capo d’accusa.

 

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

more recommended stories