4shared
9.2 C
Napoli
domenica, 23 Gennaio 2022

Si chiama HUT ed è il trench anti-covid

Da non perdere

Gilda Caccavale
1996 - Laureata e specializzanda in scienze politiche. Da sempre appassionata di scrittura nella sua potenzialità di condividere e trasferire sottili intuizioni e prospettive, o irripetibili combinazioni dell'essere. Fermare la "visione" significa assistere l'evoluzione, e m'illumina d'immenso!

Anche il mondo della moda prova a dare una risposta alle esigenze più semplici del momento: quelle di camminare serenamente per strada sentendosi in qualche modo protetti e avendo la possibilità di proteggere gli altri senza dover prestare troppa attenzione, così nasce Hut.

Ebbene la proposta arriva da Sabrina Persechino, designer-architetto “titolare dell’omonimo atelier romana” e Giuseppe G. Amaro “esperto in materia di sicurezza in manifestazioni pubbliche e grandi eventi, fondatore della GA Engineering”.

 Il nome scelto per il nuovo prodotto sul mercato non è a caso, Hut significa “capanna” e quindi in questo caso “isolamento”, l’intenzione è chiarissima.

La Persechino – come ricordato anche da ANSA – ha sempre sposato una sartoria che fosse combinata strettamente ad un’idea di innovazione e questa volta decide di lanciare quello che può essere definito a tutti gli effetti un trench anticovid.

Si tratta di un capo impermeabile con una struttura tale da permettere un isolamento completo nei confronti dell’ambiente esterno. Si presenta come una giacca con cappuccio, dotata di visiera trasparente, così che sia possibile riconoscere il viso della persona che lo indossa e proprio a quest’altezza vi sono due fessure dotate di filtro per far permeare l’aria.

Il capo si divide in tre strati. Il primo da fuori consiste in un tessuto completamente impermeabile, poi ce n’è uno centrale con tessuto filtrante agli agenti virali, chiamatosi meltblown, ed infine una fodera interna.

Hut sarà disponibile in vari colori, in particolare blu, nero, grigio, rosso e giallo. Inoltre è prevista la possibilità di personalizzarlo con fodere interne sia semplici che in fantasia. Sembra sia strutturato in modo tale che le tasche interne possano contenere visiera, cappuccio e dispositivi di protezione individuale come mascherina e guanti.

Hut è un capo pensato per la protezione individuale, ma nel caso in cui (e ce lo auguriamo!) non dovesse essere più necessario l’isolamento per strada, lo stesso è in grado di trasformarsi – con lo sgancio di cappuccio e visiera – in un normalissimo trench.

“Ho voluto creare un capo alla moda che sia anche in grado di proteggere dal virus dando così una tranquillità sociale che, in epoca Covid è stata persa –ha dichiarato Sabrina Persichino– infatti, nella vita quotidiana può accadere di incontrare persone che non rispettano le norme di distanziamento e protezione. E ho pensato a una soluzione legata al’abbigliamento personale. Hut è un indumento elegante –ha aggiunto– e al tempo stesso protettivo, che permette di muoversi in tutta sicurezza al riparo dal Covid 19″.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli