25.8 C
Napoli
lunedì, 4 Luglio 2022

Sfusato amalfitano IGP: storia, caratteristiche e utilizzo

Il limone Costa d'Amalfi, noto anche come sfusato amalfitano, è un prodotto IGP. L'agrume, conosciuto ed esportato in tutto il mondo per le sue caratteristiche, è il simbolo di questa terra

Da non perdere

Uno dei simboli della Costa d’Amalfi è sicuramente il limone sfusato amalfitano, un agrume che nel mondo è ambasciatore di questa terra. Il limone Costa d’Amalfi è un prodotto I.G.P. (Indicazione Geografica Protetta).

La storia

Quella del limone di Amalfi è una storia antica che ha inizio nell’XI secolo, quando gli Arabi introdussero la coltivazione di questo agrume nel territorio della Costiera Amalfitana.

La gente del luogo successivamente cercò di ricavare dai crinali scoscesi delle colline piccoli lembi di terra da dedicare all’agricoltura: nacquero, così, i famosi terrazzamenti, conosciuti anche come giardini.

Il limone, essendo un valido rimedio contro lo scorbuto (malattia legata proprio ad una carenza di vitamina C), era sempre presente sulle navi mercantili amalfitane, che giungevano in tutto il Mediterraneo.

Successivamente dagli studi dell’Università degli Studi di Napoli Federico II si è venuti a conoscenza che questa varietà di limone è tra le più ricche in assoluto in acido ascorbico, la nota vitamina C.

Proprio per le sue indiscusse proprietà terapeutiche, altissima è la richiesta di limoni amalfitani, soprattutto da parte dei Paesi del Nord-Europa.

Lo storico Matteo Camera scrive, a tal proposito, che nel 1600 i limoni “da Minori venivano trasportati via mare verso altri mercati italiani, assieme a limoncelli e cetrangoli”, termine, quest’ultimo, col quale venivano indicate le arance amare.

Caratteristiche

Lo sfusato amalfitano prende il nome dalla sua caratteristica forma affusolata. E’ un prodotto dalle caratteristiche molto pregiate. La buccia è di medio spessore, di colore giallo chiaro. Un limone con un aroma ed un profumo intensi grazie alla ricchezza di oli essenziali e terpeni.

La polpa del limone è succosa e moderatamente acida, con scarsa presenza di semi. E’ inoltre un limone di dimensioni medio-grosse (almeno 100 grammi per frutto), nonché una tra le varietà più ricche di acido ascorbico (vitamina C).

Utilizzo

Lo sfusato amalfitano è un agrume ampiamente usato in cucina sia al naturale che come condimento. Questo è, infatti, l’ingrediente principe dei piatti della Costiera Amalfitana, sia a base di pesce che di carne, nonché nella preparazione di dolci, creme, infusi e liquori.

Area di produzione

Il “Limone Costa d’Amalfi” IGP è prodotto in tutti i comuni della Costiera Amalfitana. In particolar modo nei comuni di Amalfi, Cetara, Conca dei Marini, Furore, Maiori, Minori, Positano, Praiano, Ravello, Scala, Tramonti, Vietri sul Mare.

 

 

image_pdfimage_print

Ultimi articoli