4shared
5 C
Napoli
lunedì, 24 Gennaio 2022

Napoli Samp 3-0 dolce amaro con i saluti di Hamsik

Napoli Sampdoria con il cuore in tumulto per i tifosi partenopei. Sebbene gli azzurri Infatti si siano imposti 3 a 0 sui genovesi, devono però salutare il capitano Marek Hamsik la cui trattativa con i cinesi appare in dirittura d'arrivo.

Da non perdere

Nella giornata che probabilmente segna l’addio di Marek Hamsik ai colori azzurri  per un futuro in Oriente, il Napoli vince contro La Samp per 3 – 0 consolidando il secondo posto in classifica alle spalle della Juventus, fermata incredibilmente al 93esimo da Gervinho, che realizza il gol del 3 – 3 definitivo che chiude il risultato allo Juventus Stadium. Napoli dunque a -9 dalla Juve e campionato virtualmente riaperto.

I partenopei partono con il classico  schieramento 4-4-2 che vede Meret tra i pali, Hysaj , Maksimovic, koulibaly e Mario Rui, linea difensiva, centrocampo con Callejon Largo a destra, Allan è Hamsik centrali, Zielinski laterale alto a sinistra. In attacco Insigne fa compagnia a Arkadius Milik.

Giampaolo risponde con il 4-3-1-2 in porta Audero; Bereszynski, Colley, Andersen, Murru, linea difensiva, centrocampo con Linetti, Ekdal, Jankto, Ramirez centrale di raccordo, Quagliarella e Defrel in attacco. arbitro Pairetto di Torino.

Il Napoli parte subito forte e al quinto minuto e koulibaly che in proiezione offensiva si prende il primo angolo della gara. Al ventitreesimo tocca a  Zielinski che dal fondo tenta una conclusione con Jankto  che si rifugia in angolo. Il gol è e però nell’aria. Al venticinquesimo apertura panoramica di Marek Hamsik, ai titoli di coda, che con un lancio perfetto serve una palla splendida per José  Callejon, che si allunga sulla fascia e vede Milik libero al centro dell’area,  servendo gli un pallone millimetrico, che il centravanti polacco insacca nella porta blucerchiata. 12′ gol stagionale per Arkadius Milik che allunga nella classifica cannonieri. Neanche il tempo di mettere la palla al centro del rettangolo di gioco,  che al 26esimo il Napoli raddoppia. Filtrante di Callejon per Insigne che si gira e di prima tira in porta, realizzando così il gol del 2 – 0 e sbloccandosi finalmente dal lungo digiuno, che lo vedeva assente dal tabellino dei marcatori, dal lontano mese di novembre. Primo tempo quindi sul velluto per I Partenopei che continuano ad attaccare la porta Doriana al trentesimo infatti è  ancora Insigne da fuori con una conclusione bloccata da Andersen. Al trentaquattresimo  Marek Hamsik da 25 metri calcia alto sulla destra. All 36esimo si fa vedere invece Quagliarella, ben servito in area da Ramirez, sinistro alzato però in angolo da Maksimovic. Al trentanovesimo bella occasione, per il Napoli percussione di Mario Rui dalla sinistra che si accentra e con un sinistro violentissimo, calcia in porta, deviato miracolosamente da Audero. Al  quarantesimo gol annullato per il Napoli, sugli sviluppi di un calcio d’angolo mischia furibonda in aria blucerchiata, Milik tocca e realizza il gol che Pairetto però annulla per un precedente  fuorigioco di Maksimovic. Al quarantunesimo tocca ancora da Hamsik incunearsi con Colley che chiude però tempestivamente. Finisce praticamente così il primo tempo con gli azzurri che vanno al riposo con il vantaggio di 2 – 0.

Comincia il secondo tempo senza nessuna sostituzione per entrambe le squadre. Zielinski al 52esimo Cerca in area Milik con un suggerimento però troppo lungo, a cinquantaquattresimo sostituzione nella Samp, Giampaolo richiama Ramirez per Saponara.  Al minuto 74 standing ovation per Marek Hamsik, il mister Infatti Carlo Ancelotti decide per la sostituzione di Marechiaro, consentendogl in questo modo la giusta passerella, prima del suo annunciato passaggio in Cina. Il pubblico del San Paolo non dimentica e tributa un lunghissimo e caloroso applauso al capitano. La partita continua con Gabbiadini, nel frattempo subentrato, che praticamente da fermo da 25 metri piazza un sinistro velenoso,  che viene bloccato però da Meret. Al  settantesimo bellissima azione di koulibaly, con Callejon che crossa basso e il difensore che non riesce ad arrivare sulla palla per una questione di centimetri. Al  settantasettesimo è  Bereszynski,  con un bel fendente da fuori area a cercare la porta Azzurra, facendo la barba al palo sulla destra di Meret. Al 86esimo il senegalese si ripete con un’azione perentoria in attacco, si libera in area blucerchiata e scaglia un sinistro potente che Audero però riesce a smanacciare fuori. Al minuto 87 l’episodio che chiude la gara, Zielinski dalla distanza colpisce di destro e inquadra la porta, interviene però Andersen con un braccio e l’arbitro che dapprima fischia il calcio di punizione dal limite dell’area, successivamente dopo la consultazione con il var, aassegna al Napoli un calcio di rigore. Si porta sul dischetto Simone Verdi, subentrato da poco, che realizza in scioltezza il gol del 3 – 0, che dà la certezza del risultato a Napoli. Vittoria meritata per gli azzurri che hanno dominato praticamente dal primo all’ultimo minuto. Poco da fare per Fabio Quagliarella, che ha cercato in tutti i modi di segnare il gol che lo avrebbe portato nella storia, senza però riuscire a trovare la via della rete. Tra una settimana gli azzurri saranno attesi al comunale di Firenze per continuare la rincorsa alla rivale bianconera, che giocherà invece al Mapei Stadium contro il Sassuolo.

Negli spogliatoi Giampaolo ha onestamente ammesso che “il KO contro il Napoli era in sostanza preventivato, sebbene abbiamo cercato di fare la partita”. Anche il mister Carlo Ancelotti, ha voluto dire la sua e negli spogliatoi intervistato ha riferito “Mi aspettavo questa reazione,  l’anormalità sta nella partita di martedì, perché anche prima con la Lazio avevamo giocato bene”  sulla trattativa che vede coinvolto Hamsik, ha confermato che vi è in corso un discorso aperto “Dobbiamo valutare insieme al giocatorie. Il Napoli ha tantissimo rispetto per Marek, se lui vuole fare un’altra esperienza, parlo solamente da un punto di vista emozionale, c’è la tendenza e la volontà di accontentarlo” con queste parole In effetti sembra essere già decisa la sorte di Marek Hamsik, che non ha potuto resistere alle Sirene milionarie provenienti dalla Cina.

Auguri dunque al capitano di mille battaglie!

image_pdfimage_print

Ultimi articoli