Scossa di terremoto ieri notte tra Pozzuoli e Napoli

Lieve scossa di terremoto, registrata tra Pozzuoli e Napoli, ieri notte all'1.30, con magnitudo 2.0. Nessun danno, solo paura tra gli abitanti partenopei.

La scorsa notte, più o meno verso l’1.30, si è registrata una lieve, ma intensa scossa di terremoto, sul lato sud ovest del vulcano Solfatara, con epicentro a Quarto, nella località di Agnano, zona appartenente al comune di Pozzuoli, che si trova al confine con Napoli.

La scossa, oltre ad essere avvertita ovviamente nella zona flegrea, si è estesa anche ad alcuni comuni di Napoli, come Soccavo, Fuorigrotta, Pianura, Agnano, arrivando anche in alcune zone del Vomero e del centro storico del capoluogo campano. La scossa, registrata dall’INGV l’Osservatorio Vesuviano, cioè l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, è stata di una lieve intensità, magnitudo 2.0 della scala Richter e la profondità dell’accaduto è di circa 1 km.

Proprio perché è avvenuta così tanto in superficie, è stata avvertita molto dalla popolazione partenopea, che, in piena notte, si è allarmata a causa l’evento sismico. A testimonianza della paura improvvisa, ci sono numerosi post sui principali social network, tra cui Facebook, dove sono stati pubblicati post di allarmismo e preoccupazione.

Fortunatamente, la bassa entità dell’evento sismico, non ha provocato danni di alcun tipo né a persone né a edifici, ma, ovviamente, solo spavento e paura.

L’evento sismico registrato rientra in una normale attività vulcanica della zona flegrea, dato che si tratta di un accaduto connesso con il bradisismo che, negli ultimi tempi, ha provocato numerosi eventi sismici, seguiti, successivamente, dalle pause tipiche del fenomeno, che però non hanno superato la magnitudo di 2.0, tale da non far preoccupare eccessivamente gli esperti.

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO