11.4 C
Napoli
domenica, 29 Gennaio 2023

Scoppia il caso “insalate contaminate” al Mc Donald’s

Dalla metà del mese di maggio si sono verificati circa 90 casi di ciclosporiasi, dovuti a un lotto di insalate contaminate da un parassita.

Da non perdere

Negli Stati Uniti, precisamente nell’Illinois e in Iowa la catena di fast food Mc Donald’s è stata protagonista di una spiacevole situazione. Infatti nei Mc Donald’s delle zone sopracitate si sono registrati dalla metà del mese di maggio circa 90 casi di ciclosporiasi, dovuti a un lotto di insalate contaminate da un parassita.

La ciclosporiasi è una malattia infettiva che comporta attacchi frequenti di diarrea. La notizia di questo allarme è stata data dal dipartimento di Salute pubblica dello stato dell’Illinois, il quale ha accertato la correlazione effettiva fra l’infezione intestinale e le insalate del Mc Donald’s.

Tuttavia il dipartimento di Salute pubblica dello stato dell’Illinois ha specificato che si cercherà anche altre fonti d’infezione in modo da non escludere nulla ed evitare situazioni simili spiacevoli in futuro. Questa infezione intestinale è una malattia molto fastidiosa, in quanto oltre alla diarrea comporta anche disturbi come nausea, dimagrimento, crampi addominali e febbre.

Inoltre questa malattia infettiva intestinale risulta essere molto seccante e molesta in quanto può durare anche diverse settimane, incidendo notevolmente sulla nostra quotidianità.

Si ricordi che è possibile contrarre questo tipo di infezione solo mangiando o bevendo cibi contaminati.

A tal proposito il dipartimento di Salute pubblica dello stato dell’Illinois, ha invitato tutti i cittadini che da metà maggio hanno mangiato insalate presso i Mc Donald’s di quelle zone a contattare prontamente un medico se hanno sintomi di nausea e dissenteria.

Poi il dipartimento di Salute pubblica dello stato dell’Illinois, ha chiarito che la catena di fast food Mc Donald’s  è stata molto collaborativa nell’indagine in questione e prontamente ha provveduto ad eliminare  e sostituire tutte le insalate a rischio contaminazione, per tutelare la salute dei cittadini.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli