Scienza, scoperti coralli killer di meduse

Scoperta una colonia di coralli arancioni,da un gruppo di ricercatori italiani a largo di Pantelleria, con caratteristiche davvero particolari.

21secolo_astroides_calycularis_filomena_scala
Astroides Calycularis

E’ stata scoperta una colonia di coralli arancioni,da un gruppo di ricercatori italiani a largo di Pantelleria, con caratteristiche davvero particolari.

Quasi casuale la scoperta di questi organismi marini, la cui collaborazione nel procurarsi da mangiare, ha lasciato di stucco i ricercatori intenti a studiarli.

Questi coralli arancioni,  fanno parte della specie degli Astroides Calycularis nota anche come Madrepora arancione. Questa specie, formata da piccoli polipi con tentacoli retraibili, fa parte della classe degli antozoi che è carnivora e si ciba per lo più di plancton.

Situati nelle acqua a largo di Pantelleria, Sicilia, sono una delle specie più diffuse nel Mediterraneo e hanno delle inaspettate caratteristiche collaborative durante la caccia.

Questi infatti, come riportato dai ricercatori durante le loro immersioni, attendono che la preda si avvicini a loro per poi colpirla con una freccia avvelenata e infine mangiarla.

Un comportamento, il loro, ritenuto socialmente troppo evoluto per la specie.

Questa scoperta, annunciata dalla rivista Ecology, è da attribuire ai biologi marini della Stazione Zoologica Anton Dohrn di Napoli, al Cnr ( Consiglio Nazionale delle Ricerche e alle università di Edimburgo e Bologna.

Secondo i biologi Luigi Musco e Tomás Vega Fernández                                                       – “ Questi piccoli polipi dei coralli, piuttosto antichi da un punto di vista evolutivo, sembrano a loro modo cooperare nella caccia, perché abbiamo visto che il primo polipo attacca la preda e poi ne arrivano altri che la bloccano.”

Nonostante la recente scoperta sull’evoluzione sociale e comportamentale della specie, questa non rientra nella lista rossa della IUCN anche se fa parte delle specie protette della CITES ( Convention on International Trade in Endangered Species of Wild Flora and Fauna )

 

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO