Scagnuzzielli napoletani, la tradizione che fa gola

Gli scagnuzzielli sono un must della frittura napoletana e si è soliti trovarli anche nelle rosticcerie di Napoli nel cosiddetto “cuoppo”.

scugnuzzielli_21secolo_assuntafroncillo
scugnuzzielli

Gli scagnuzzielli napoletani sono dei triangolini di polenta fritta tipici della cucina napoletana.

Infatti gli scagnuzzielli sono un must della frittura napoletana e si è soliti trovarli anche nelle rosticcerie di Napoli nel cosiddetto “cuoppo”, contenente frittatine di pasta, crocchè e zeppoline di alghe fritte.

Gli scagnuzzielli sono cosi chiamati in quanto fanno riferimento alla “scaglia”, ovvero un pezzo tagliato in modo grossolano.

Tuttavia esiste anche una diversa corrente di pensiero che fa risalire il nome degli scagnuzzielli alla “scagliozza” una moneta dell’Italia meridionale, per il colore giallo oro dei triangolini di polenta che appunto richiamava quello delle monete.

Infine è doveroso evidenziare che è possibile trovare questi triangolini di polenta fritta anche nella cucina foggiana, toscana, barese e messinese.

Quelli napoletani sono differenti dagli altri per la loro forma appunto più grossolana e irregolare.

Ingredienti:

  • 2 l di acqua
  • 500 g di farina di mais precotta
  • Pepe q. b.
  • Sale q. b.
  • Olio di semi per friggere q. b.

Procedimento:

  1. In una pentola a bordi alti, far bollire l’acqua contenente sale e pepe.
  2. Poi versare la farina di mais precotta e mescolare il composto con l’aiuto di un cucchiaio di legno per circa 8 minuti a fuoco basso e moderato.
  3. Foderare lo stampo di un plum-cake con carta forno.
  4. Versare all’interno dello stampo il composto di polenta e far raffreddare in frigo per 1 ora.
  5. Staccare la polenta dallo stampo e disporla su un tagliere.
  6. Tagliare le fette di polenta abbastanza spesse.
  7. Conferire alle fette di polenta la tipica forma di scagnuzzielli, tagliandoli in triangolini grossolanamente.
  8. Friggere i triangolini di polenta in una pentola antiaderente in abbondante olio di semi ben caldo. In questa fase vi consiglio di mantenere moderata la fiamma in modo da ottenere una frittura perfetta e non bruciata. Vi suggerisco di togliere dal fuoco i vostri triangolini solo quando saranno ben dorati da entrambi i lati.
  9. Terminata la frittura, disporre i triangolini di polenta su carta assorbente in modo da eliminare l’olio in eccesso.

Da servire ben caldi ai vostri ospiti.

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO