4shared
7.7 C
Napoli
mercoledì, 19 Gennaio 2022

Ancora sbarchi in Sicilia

Da non perdere

Continuano gli sbarchi dei migranti e la Sicilia è la regione più coinvolta. Oltre 1.500 migranti sono stati soccorsi nelle ultime ore dalle navi della Marina militare e della Guardia costiera impegnate nel Canale di Sicilia nell’operazione “Mare Nostrum”. Altre centinaia stanno per arrivare grazie alle buone condizioni del mare.

Le condizioni meteo migliorate hanno fatto aumentare il numero delle imbarcazioni salpate dalle coste del Nord-Africa, cariche di migranti impegnati nel viaggio della speranza. Circa mille di loro, compreso un ferito, sono stati soccorsi con l’aiuto di due rimorchiatori civili, dagli uomini della nave San Giorgio. Altre 400 persone, 150 delle quali salvate da una motovedetta della guardia costiera, sono sul pattugliatore Cassiopea.

È arrivata nella rada del porto di Pozzallo, nel Ragusano, anche la nave Urania, che ha soccorso 395 migranti, siriani e sub sahariani, compresi 12 neonati, 72 minorenni e 61 donne, quattro delle quali incinte. Per fare spazio ai ‘nuovi arrivati’ si è provveduto a trasferire 300 migranti con due voli charter decollati da Comiso.

Gli sbarchi dei migranti stanno provocando una grande emergenza nell’isola dove continua il flusso di arrivi. Sotto stress è anche l’organizzazione e i centri di accoglienza ormai strapieni. A rendere la situazione ancora più critica è l’atteggiamento di molti migranti che rifiutano di farsi identificare e appena possibile si allontanano. Inoltre, considerando l’evoluzione degli scenari conflittuali poco più in là dell’Italia, è possibile  prevedere una crescita del numero di siriani ed egiziani che raggiungeranno il nostro Paese. Un aumento che non comporta alcun allarmismo in termini effettivi di numeri, ma che deve generare miglioramenti al sistema accoglienza.

Nota positiva sono le parole del governatore Rosario Crocetta: nessun allarmismo, la solidarietà nei confronti dei migranti è un dovere che hanno lo Stato, la Regione e anche i Comuni.  Se ci sono problemi i sindaci sanno come contattarmi per tentare di risolverli.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli