30.6 C
Napoli
giovedì, 26 Maggio 2022

Sant’Antimo tra festa e Made in sud

Da non perdere

Raffaele Romano
Collaboratore XXI Secolo. Iscritto alla facoltà di Scienze Politiche e aspirante giornalista pubblicista. Motivato da un forte interesse riguardante il mondo delle "news" in ogni tipo di settore e campo. Fin dall'adolescenza, molto attratto dal giornalismo e dall'idea di ricoprire in futuro, ruoli più affini a tale sogno.

L’ultima settimana di maggio come da tradizione, Sant’Antimo, paese di 34.000 abitanti a nord di Napoli, riunisce tutti i cittadini per festeggiare il Santo Patrono: la storica “festa di Sant’Antimo” fin dall’inizio del 900 è meta di migliaia di fedeli e devoti provenienti da molti luoghi, anche da molto lontano.

La festa costituisce la manifestazione civile e religiosa più importante del territorio e viene organizzata ogni anno da un comitato capitanato da sette governatori eletti ogni 4 anni dal comune. L’evento dura circa 4 giorni, e in questi giorni la Statua del Santo Patrono, pregevole opera di maestri del settecento napoletano, viene portata a spalla per tutto il paese. Il momento centrale dei festeggiamenti è la rappresentazione teatrale della tradizionale “Tragedia di Sant’Antimo” in cui viene raccontata la vita e il martirio del Santo. Si conclude poi con il caratteristico “Volo degli Angeli”, un percorso di circa 35 metri di altezza e 100 metri di lunghezza, dove due bambine vengono tirate attraverso un sistema di corde e funi. Il tutto avviene in una splendida cornice di suoni e colori antistante la Cappella di Sant’Antimo, che è stata fondata nel 1658 da Angelo Clarelli, che donò le spoglie di Sant’Antimo in suo possesso, in modo che fossero custodite nella Cappella stessa.

Il programma di quest’anno della festa è ricco di eventi. Si parte questa sera 31 maggio con un piccolo assaggio dei festeggiamenti, con le luci accese per tutto il paese e con il consueto spettacolo pirotecnico serale. Domani invece si parte alle ore 7:00 con il tradizionale volo degli Angeli e la Tragedia. Chiuderà la festa, sabato 7 giugno, lo spettacolo degli artisti di Made in Sud.

DOMENICA 1 GIUGNO 2014

Ore 6:00 Celebrazione eucaristica sul sacrato del Santuario presidiata dal Parroco Mons. Francescco Campanile

Ore 7:00 Volo degli Angeli

Ore 8:00 Inizio prima parte del percorso cittadino con la statua argentea del Santo Patrono.

Ore 9:00 Arrivo e giro per il paese del concerto bandistico “Città di Acerra”

Ore 20:30 Sulla rampa del Castello Baronale, sacra rappresentazione del terzo atto del martirio del Santo.

Ore 21:00 Fine prima parte del percorso cittadino del Santo Patrono

Ore 21:30 Volo degli Angeli serale

Ore 22:00 Fuochi pirotecnici

LUNEDI 2 GIUGNO 2014

Ore 7:00 Celebrazione eucaristica

Ore 7:30 Secondo giorno del percorso cittadino con la statua argentea.

Ore 17:00 Manifestazione sportiva degli allievi di Kung Fu del Sporting Club di S.Antimo.

Ore 18:30 Spettacolo di musica rurale del gruppo “I Bottari”

Ore 2030 Sacra rappresentazione del terzo atto del martirio del Santo

Ore 22:00 Fine della seconda parte del percorso cittadino del Santo Patrono

Ore 22:30 Spettacolo pirotecnico

MARTEDI 3 GIUGNO 2014

Ore 7:30 Terzo giorno percorso cittadina con la statua argentea

Ore 20:30 Gala di moda sotto le stelle, ospite della serata Gianluca Manzieri

Ore 21:30 Fine terza parte del percorso cittadina della statua

Ore  22:00 Spettacolo pirotecnico

SABATO 7 GIUGNO 2014

Chiusura ufficiale della festa

Ore 21:30 Spettacolo con noti artisti di Made in Sud

image_pdfimage_print
Articolo precedenteStupro in India, arrestati 2 poliziotti
Prossimo articoloGiugno Giovani

Ultimi articoli