17.1 C
Napoli
domenica, 2 Ottobre 2022

Sanità Campania: previsto aumento centri diabetologici

Da non perdere

Previsto un aumento dei centri diabetologici per il controllo dei pazienti diabatici in Campania.

Un nuovo passo, da parte dell’amministrazione della sanità, verso il malato e nel particolare verso i malati di diabete  nella nostra regione.

Dopo la decisione di attivare la telemedicina per monitorare i pazienti affetti da diabete, durante l’emergenza sanitaria da covid19, è oggi previsto un ampliamento delle strutture recettive per il controllo dei pazienti diabetici, quali i Centri Diabetologici, in Campania.

Una decisione che, come prevedibile, è accolta con entusiasmo dalla presidente del Coordinamento delle associazioni di pazienti diabetici della Campania, Fabiana Anastasio.

La presidente Anastasio si congratula per la decisione, ma sottolinea la necessità che a questo primo passo si affianchino altre iniziative di rafforzamento delle  strutture di prevenzione e cura di una malattia che, ad oggi, coinvolge sempre più persone e che ha complicanze pesanti.

La decisione di aumentare, finalmente, il numero di Cad sull’intero territorio da parte della regione Campania, secondo le affermazioni dell’ Anastasio, arriva quando i dati epidemiologici riportano un’ incidenza del 6,9% della malattia, un dato che non si può semplicemente definire aumentato rispetto a quelli del 2007, ma che sono raddoppiati rispetto al 45% di quell’nno. Era stato proprio il 2007 l’anno in cui si decise di aprire un centro Diabetologico ogni 100.000 abitanti.

Inizialmente si era previsto che, in media, in ogni ambulatorio si recassero all’incirca 4000 pazienti, numero che, ancora una volta come fatto notare dalla Presidente del Coordinamento delle associazioni di pazienti diabetici della Campania, è stato largamente superato per ognuna di queste strutture.

Gli ambulatori, infatti, sono stati chiamati a rispondere alle esigenze di oltre 7000 pazienti causando, come presumibile, non pochi disagi, tra i quali le lunghe liste di attesa per visite e controlli.

È per questo motivo che si è scelto di incrementare il numero di ambulatori, rispettando in questo modo le indicazioni normative per la salvaguardia della salute dei cittadini.

La presidente Anastasio si dice, quindi, soddisfatta di questa iniziativa, che dimostra come le istituzioni, sollecitate dalle varie associazioni, abbiano accolto con senso di responsabilità le loro richieste, riorganizzando il territorio secondo le disposizioni delle Linee guida delle società scientifiche e delle normative in materia. Normative, che anche se ben fatte, aspettano, spesso,  di essere attivate.

L’attuazione delle norme, in generale e nel particolare caso dei pazienti diabetici, consentirebbe una maggiore tutela della salute del paziente.

Nello specifico caso dell’ aumento dei centri diabetologici l’attuazione della norma, si tradurrebbe  nella  riduzione delle complicanze, che incidono pesantemente sulla qualità di vita del diabetico e delle famiglie ed inoltre sono causa di aumento della spesa sanitaria.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli