25.3 C
Napoli
martedì, 9 Agosto 2022

Russia 2018. The Italian Job

Nei mondiali di Russia, vince il gioco Italiano!

Da non perdere

Terza giornata di ottavi.

Fuori la pulce Messi, fuori CR7, gli ottavi di finale, dopo l‘antipasto dei gironi eliminatori, si dimostrano all’altezza di una manifestazione di alto livello e mettono in tavola piatti succulenti come quello a base di Spagna cotta a puntino dai padroni di casa della Russia, che si stanno godendo una grigliata calcistica indimenticabile per un paese intero, in una serata mondiale da tramandare ai posteri; pazienza se ottenuta con un calcio “ultradifensivo” (poi dicono gli italiani) che comunque ha avuto il merito di saper battere i rigori. La tavola è imbandita e tutti i partecipanti rimasti possono cucinare le loro pietanze preferite, basta che avranno il potere di regalare vittorie. Questo chiederanno i tifosi rispettivamente a Brasile – Messico, Belgio – Giappone, con le prime due che si contenderanno gloria e prestigio, una con la presenza funambolica del suo profeta Neymar e quei solisti fantastici tipo Marcelo, Paulinho, Coutinho che hanno il potere di sostituire anche un orchestra intera, l’altra con i velocissimi attaccanti Chicharito Hernandez, Lozano, Vela che già hanno fatto gonfiare il petto di orgoglio ai loro connazionali nel battesimo mundial contro la Germania. L’altro ottavo si consumerà tra i temutussimi belgi Hazard, Mertens, Lukaku e company contro la squadra nipponica che è quella che forse suscita più curiosità, vista la facilità con la quale si sono sbarazzati all’esordio della Columbia e la naturalezza con la quale i suoi attaccanti creano palle gol. Le favorite, inutile dirlo, sono i verdeoro brasiliani e i diavoli rossi del Belgio, anche se nel calcio non sempre due più due fa quattro e le sorprese possono fioccare più numerose che in tempo di Pasqua perché l’organizzazione difensiva e l’accortezza tattica oltre che le ripartenze, sono i canovacci di queste partite nelle quali la manovra dei team più titolati è sempre meno decisiva e vincente. I passi indietro a danno del bel gioco per i puristi amanti dello spettacolo, saranno sicuramente ripagati dall’alta intensità emotiva di tutti gli incontri a cui stiamo assistendo alcuni dei quali sono stati eccezionali, vedi FranciaArgentina 4-3. In attesa che le partite del terzo giorno di questi ottavi ci rivelino altri protagonisti vale la pena di incoronare Cavani e Mbappè come gli eroi dell’ultim’ora a cui si devono giocate impressionanti, che se per l’uruguagio non sono una novità a questi livelli, per il suo giovane collega del PSG sono una scoperta e un monito per tutti gli avversari dei transalpini.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli