Rosa Parks, trova casa nel Palazzo Reale di Napoli "Almost Home - The Rosa Parks House Project" approda a Napoli, l'installazione dell'artista americano Ryan Mendoza

rosa parks

Rosa Parks a Napoli.

L’installazione ” Almost Home” dell’artista americano Ryan Mendoza approda a Napoli, esattamente nel cortile dello storico Palazzo Reale. Potente e d’impatto, come la vita della stessa Parks. Colei che nel 1955 con un semplice  gesto di rifiuto principò una fase di importantissimo boicottaggio dei mezzi di trasporto nella città di Montgomery, Alabama e simbolo della lotta per i diritti civili degli afroamericani.

Americano d’origine e partenopeo d’adozione, Mendoza arriva a Napoli nel 1992 dove ha lavorato nei principali ambienti della Fondazione Morra Greco, con produzioni pittoriche e lavori manuali che afferiscono al campo della ristrutturazione.

Una seconda patria dunque per Mendoza ma non solo. Napoli sarà la casa della ” casa di Rosa Parks” un progetto che è nato dalla volontà che l’edificio della Parks ritornasse nel proprio luogo d’origine, quel luogo di frattura, ma anche di costruzione e mobilitazione. Non senza aver prima però viaggiato e lasciato quel messaggio nei luoghi in cui secondo il progetto artistico approderà.

Napoli è stata quasi la casa di Mendoza per circa quindici anni e ora è quasi la casa del progetto di Rosa Parks House. È almost home perché l’artista vorrebbe che un giorno la casa della Parks tornasse nel proprio luogo di origine, nel luogo dove si è svolta la vicenda che ha provocato la grande mobilitazione della comunità afroamericana di Montgomery. I luoghi portano i segni, le fratture e le ferite della storia; sono, di conse- guenza, gli specchi di questi processi e a volte riescono a metterne in evidenza le lacune e le contraddizioni.

La casa della Parks era collocata nella città di Detroit e poi acquistata da sua nipote. Fu proprio Mendoza a recuperarla e a salvarla dalla demolizione nel 2016 per proteggerla e rimontarla pezzo per pezzo nel suo giardino a Berlino.

”Almost home” è un’idea, una volontà di tenere salda la memoria di Rosa Parks, con tutto quello che una casa, ospitante persone, cose, eventi, drammi – può rappresentare nel presente. Diritti, ideali che hanno segnato uno spartiacque nella storia antecedente, e che oggi paiono nuovamente rimessi in discussione e rivendicati dal movimento ” Black Lives Matter”.

La casa è il luogo dell’anima, non una mera aggregazione o sovrapposizione di oggetti. E’ una ferita aperta come una porta che invita ad entrare per riflettere e tornare a riprendere il discorso laddove si era fermato.

Visitabile fino al 6 Gennaio, Palazzo Reale Napoli. Ingresso gratuito

Print Friendly, PDF & Email

more recommended stories