15.2 C
Napoli
venerdì, 9 Dicembre 2022

Rosa Di Domenico rientra a Napoli

La ragazza scomparsa a Sant’Antimo a maggio, torna a Napoli.

Da non perdere

Dopo dieci mesi, Rosa Di Domenico, la ragazza scomparsa a maggio scorso da Sant’Antimo, comune italiano in provincia di Napoli, finalmente è rientrata a Napoli. Così dopo mesi di angosce e paure i suoi genitori, Rosa e Luigi, hanno potuto riabbracciare la loro piccola.

Rosa è arrivata, ieri sera all’aeroporto di Capodichino, è subito si è stretta in un caloroso abbraccio con mamma e papà che erano lì ad attenderla da ore, come testimonia il video che sta circolando in web, girato dalla redazione del programma televisivo Chi l’ha visto.

Ora saranno le indagini, condotte dai carabinieri della Questura di Napoli a chiarire come si sono svolti realmente i fatti e se si fosse trattato davvero di rapimento o di fuga volontaria. Fino a pochi giorni fa, l’unica notizia certa, risultava essere quella della denuncia al pakistano Ali Quasid, da parte dei genitori di Rosa, i quali secondo loro avrebbe importunato la giovane Rosa, facendola avvicinare alla religione islamica.

Invece l’altro ieri è arrivata una nuova notizia, Rosa di Domenico, si sarebbe presentata presso la polizia turca, la quale dopo aver fatto gli accertamenti del caso, ha contattato la polizia italiana, mettendo in contatto finalmente madre e figlia.

E’ importante sottolineare che la giovane Rosa, appena arrivata presso l’aeroporto di Capodichino è stata interrogata prima dalle autorità e solo dopo ha potuto incontrare finalmente i suoi genitori, in quanto data la situazione, bisognava attenersi a tale procedura.

Infatti, la madre di Rosa, durante la lunga ed estenuante attesa presso l’aeroporto, a causa della forte agitazione e ansia, più volte si è sentita male e sono dovuti intervenire i soccorsi. La madre della giovane Rosa si è rasserenata, solo quando dopo il lungo interrogatorio subito dalla figlia, durato circa due ore, ha potuto avvolgere la sua figliola in un caloroso abbraccio.

image_pdfimage_print
Articolo precedenteOscar 2018, tutti i vincitori
Prossimo articoloIn memoria di Lucio Dalla

Ultimi articoli