4shared
7.7 C
Napoli
mercoledì, 19 Gennaio 2022

Riflessioni e risate per il “Teatro in Pillole”

Da non perdere

Una serata allegra, all’insegna della risata e del buon intrattenimento. Sono queste le caratteristiche di “Teatro in Pillole”, un contest informale ideato da Stefania Russo. L’appuntamento del mese di febbraio si è tenuto ieri alle 20:30 con il tema prescelto, “Ricordi, segreti e bugie”, sul quale si sono sfidate le due categorie di attori, amatoriali e professionisti. La location era tappezzata da aforismi famosi, e ad intrattenere i commensali c’era il grafologo Raffaele Muzzillo che, attraverso l’analisi della scrittura, riesce a svelare caratteristiche della personalità, in perfetta armonia con il tema in questione.

Apre la sfida degli amatoriali  Giorgio Cipriani  con un monologo di Jean Cocteu intitolato “Il Bugiardo”. Segue Stefania Ciancio con un altro estremamente ironico di Giuseppe De Francesco, “Teatranti”; la donna, fingendo una telefonata, porta in scena senza peli sulla lingua l’esplicita ruffianeria tipica di chi cavalca il palcoscenico e mira ad un tornaconto personale. “Buona la dizione” commenta l’ospite della serata l’attore Duilio Antonio Vaccari, esprimendo il proprio favore per la Ciancio.

teatro in pillole_21secoloAltra performance interessante è quella di Carlo Alfaro, dell’associazione culturale Endas Penisola Sorrentina il quale, affiancato da Rosanna Ferraro e Ornella Ostieri, si è esibito su un testo scritto dalla stessa Ostieri adattato al tema del format. Ultimo sketch previsto per la categoria amatoriali vede protagonista l’autodidatta Giuseppe Cerasuolo, accompagnato musicalmente da Francesco Palma, che porta in scena una poesia  da lui scritta ed interpretata dal titolo “So passato cu o’ russ”. Un monologo pungente, emozionante che invita l’ascoltatore ad un’analisi introspettiva delle priorità della vita. Il talento di Cerasuolo non passa in osservato e, l’organizzatrice Stefania Russo rivela infatti che, l’attore sarà prossimamente impegnato in una collaborazione con Claudia Cool.

È tempo della categoria professionisti. Carlo Liccardo, new entry di “Teatro in Pillole”, recita un testo scritto da Francesco SilvestriBambino Palloncino”, garantendosi il favore dell’ospite d’onore: “Mi ha ricordato il famoso attore e regista teatrale Daniele Formica. Buona la tecnica ma c’è ancora tanto da migliorare.” Gli ultimi ad esibirsi sono il Delirio Creativo che portano in scena un estratto dello spettacolo “Anime fragili guerriere” dal titolo “Dal mare, l’ultimo”. Il mistero che si cela dietro la nascita di una strana creatura con una testa dalle dimensioni sproporzionate nasconde  un momento drammatico e toccante enfatizzato dalla voce  di Serena Russo.

Le performance vincitrici decretate dal pubblico, ovvero quella di Giuseppere Cesaruolo per gli amatoriali e i Delirio Creativo per i professionisti, hanno un comune denominatore. Portano un messaggio di riflessione, ed invitano indirettamente a ridimensionare l’Ego e  a saper distinguere le priorità della vita.  Lo sponsor Galleria Toledo, teatro diretto da Rosario Squillace, ha messo in palio per i vincitori i biglietti per lo spettacolo “Mamma compie 70 anni” tratto da un testo di Garcia Lorka e “La bambola e La putana” di Vittorino Andreoli.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli