4shared
4.3 C
Napoli
martedì, 25 Gennaio 2022

Ricomparsa macchia solare

Da non perdere

È ricomparsa la macchia solare AR12192, benché la relativa attività sia più moderata rispetto a quella precedente, precisamente quando la stessa comparve a metà ottobre, procurando intense eruzioni.

Vincenzo Carbone, a capo del primo gruppo italiano che lavora alla meteorologia spaziale, sottolinea come sia importante non tanto prevedere o meno la probabilità di un’eruzione solare, quanto piuttosto comprendere a fondo le peculiarità di tali fenomeni e riuscire a stabilire la pericolosità degli stessi per il pianeta Terra.

Il gruppo coordinato da Carbone è denominato Swico (Space Weather Italian Community), e tra i suoi obiettivi c’è quello di realizzare il meteo spaziale in Italia entro il 2016: tale iniziativa consentirà di lanciare l’allarme qualora dovessero esserci fenomeni legati alle eruzioni solari, come tempeste geomagnetiche in grado di creare lo scompiglio per le reti elettriche e non solo, e permetterà altresì di prevedere l’eventuale passaggio di un corpo celeste, tipo asteroide, vicino all’orbita terrestre.

Gli eventuali danni che potrebbero causare tali eventi sono davvero ingenti, basti pensare che la nostra è una società che è molto dipendente dalla tecnologia spaziale: solo negli Stati Uniti, nel caso in cui ci verificassero guasti seri alle apparecchiature tecnologiche, ci sarebbero danni per un ammontare di 2.000 miliardi di dollari.

Di seguito uno spettacolare video di un’eruzione solare.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli