4shared
9.6 C
Napoli
giovedì, 20 Gennaio 2022

Ricciardi: “Riapertura delle scuole? Una cosa senza senso”

Da non perdere

La vicenda legata alla riapertura delle scuole ha creato non poco caos negli ultimi giorni. La decisione di Giuseppe Conte sul ritorno a scuola a partire dall’11 gennaio (per gli istituti superiori), ha generato le critiche di alcuni scienziati-epidemiologi, tra cui il consigliere del ministro della salute, Walter Ricciardi. Nel frattempo alcune regioni, in base all’andamento dei contagi del territorio d’interesse, hanno prorogato il ritorno tra i banchi, qualcuno addirittura a febbraio.

La sfogo di Ricciardi

Walter Ricciardi si è espresso in maniera chiara: “Riaprire le scuole con 20 mila contagi al giorno, è una cosa che non ha senso. Il virus circola per cui bisogna mantenere determinati comportamenti almeno ancora per mesi. In stato di emergenza la cosa fondamentale è mantenere la costanza degli atteggiamenti responsabili. La sfida di oggi? Anticipare il virus. Le pandemie sono fenomeni duraturi, per cui bisogna attrezzarsi in maniera adeguata”.

I dubbi e la proposta di Crisanti

Non meno polemico, per altre ragioni, Andrea Crisanti, professore ordinario di microbiologia all’università di Padova: “La cosa più grave e preoccupante è il fatto di non sapere se l’implementazione degli strumenti per contenere la diffusione del virus abbiano funzionato, di conseguenza risulta difficile stabilire se possiamo permetterci il rientro a scuola o meno”.

Poi l’interessante proposta: “Proporrei l’apertura di un distretto scolastico per ciascuna provincia ed effettuare test rapidi a tappeto. In questo modo, dopo una ventina di giorni, si potranno consultare i dati. Così potremmo sapere se possiamo permetterci la riapertura delle scuole. Avendo dei numeri alla mano sarebbe più semplice assumere decisioni”. Poi conclude: “Se ci sarà la terza ondata? Lo sapremo tra 1 o 2 settimane. Servirà ancora qualche giorno per capire cos’è successo nel corso delle festività natalizie”. 

Insomma situazione di grande incertezza per quel che riguarda il mondo della scuola. Il timore è quello di riaprire per poi richiudere qualche giorno dopo. Se così fosse sarebbe un’altra sconfitta, l’ennesima peraltro, e un grosso danno ai nostri giovani, che da troppi mesi ormai sono costretti a sopportare la didattica a distanza. Un modo di fare lezione e di rapportarsi che ha poco a che vedere con il significato di scuola in senso stretto.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli