32.3 C
Napoli
domenica, 3 Luglio 2022

Reperibili in rete i dati dell’Lhc

Da non perdere

Sono stati resi disponibili i dati del più grande acceleratore di particelle del mondo, l’Lhc, acronimo che sta per Large Hadron Collider: tale straordinario strumento annovera tra le sue migliori performance la scoperta del bosone di Higgs nel 2012. Nel caso di specie il portale Open Data consentirà a tutti di visualizzare i dati di tutti gli esperimenti che avranno luogo per mezzo dell’acceleratore in questione, in concomitanza con tutti i programmi e i relativi documenti necessari per la loro comprensione.

La disponibilità di tale archivio di dati si spera possa essere di ispirazione per le nuove generazioni per coltivare un particolare interesse per la fisica e per la ricerca in generale; infatti queste preziose informazioni possono essere consultate anche per fini didattici. Ma l’obiettivo è anche quello di sensibilizzare i non addetti ai lavori, per destare un maggiore interesse per una disciplina come la fisica che sovente si ritiene essere appannaggio solo degli scienziati.

Dario Menasce, vicepresidente della Commissione Calcolo e Reti dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn), ha sottolineato l’importanza di tale archivio di cui si potrà fruire opportunamente nei tempi futuri, laddove potrebbe rivelarsi difficile reperire dati così essenziali nell’immediato: molte ricerche specifiche, infatti, nascono da precedenti lavori di studio, di particolare rilevanza per il proseguimento dell’analisi scientifica.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli