Renzi: Operazione 80 euro 2.0

Matteo Renzi

A due settimane dalle elezioni, che si terranno in 7 Regioni italiane, il Presidente del Consiglio Matteo Renzi interviene con prepotenza sul mercato elettorale, dando il via  alla ‘operazione 80 euro 2.0’. L’annuncio, arrivato in una lunga intervista all’Arena di Giletti: il primo agosto 4 milioni di pensionati riceveranno 500 euro. Trattasi di una quota “una tantum” che andrà in tasca a quanti ricevono una pensione sotto i 3 mila euro.

Dunque, i circa 2 miliardi del “tesoretto” andranno ai pensionati. “Nessun pensionato – assicura il presidente del consiglio – perderà un centesimo. Ma ora scriveremo una nuova norma che metterà il tasca il primo agosto 500 euro a 4 milioni di pensionati”. Non sarà un “rimborso totale”, ammette Renzi, ma una risposta alla sentenza della Corte Costituzionale.

La soluzione al problema pensioni, a quanto pare, è una delle due priorità che il governo affronterà nei prossimi giorni, ignorando la minaccia di Matteo Salvini di bloccare il Parlamento “se non si risarciranno tutte le pensioni”.

Ancora una volta, Renzi, coi sui sensazionali proclami intende accattivarsi un parte dell’elettorato. Questa è la volta dei pensionati, gli stessi pensionati già vittime della legge Fornero.

Se i dati di Renzi dovessero essere confermati, il rimborso erogato sarà pari ad appena l’11 per cento dell’importo effettivamente spettante ai pensionati.  Questo quanto affermato dal segretario della Cgia di Mestre, Giuseppe Bortolussi, il quale spiega che a fronte di 18 miliardi di euro a cui ammonterebbe l’importo derivante dal blocco dell’ indicizzazione delle pensioni, il rimborso interesserà solo 4 milioni di pensionati che riceveranno, ad agosto, circa 2 miliardi di euro”.

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO