venerdì 24 Maggio, 2024
23.6 C
Napoli

Articoli Recenti

spot_img

Rapina in banca: arrestato dipendente e 3 complici

L’accurata attività investigativa delle forze dell’ordine di Eboli avvenuta a seguito della rapina dello scorso 13 agosto nella filiale della Banca di credito cooperativo di Buccino e comuni cilentani, nel comune di Palomonte, hanno portato il gip di Salerno ad emettere un ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 4 indiziati.

Gli indiziati, di cui 3 in carcere e 1 agli arresti domiciliari, sono stati accusati di rapina a mano armata e di sequestro di persona in concorso tra loro.

Infatti, proprio durante la rapina, il direttore della filiale è stato sequestrato all’interno della banca e costretto con la forza a fornire la chiave di accesso alla cassaforte.

Dalle indagini dei carabinieri, iniziate dapprima con l’acquisizione dei video delle telecamere di videosorveglianza e proseguite con gli accertamenti sul luogo, la testimonianza del direttore dell’istituto di credito fino alle attività di intercettazione telefonica e servizi di osservazione e controllo del territorio, è emerso che l’ideatore della rapina è un 46enne salernitano, dipendente della banca, che era da poco stato trasferito proprio nella filiale di Palomonte con la collaborazione di un suo amico pregiudicato, un 59enne di Ogliastro Cilento.

Questi, una volta ottenuto il lavoro, ha poi reclutato gli altri due esecutori materiali della rapina, un 52enne e un 46enne entrambi risidenti a Salerno.

L’ormai ex dipendente della banca, la cui responsabilità come ideatore della rapina è stata evidente alle forze dell’ordine sin da subito, era a conoscenza non solo dell’assenza del collega di sportello, al momento della rapina in ferie, ma era anche a conoscenza del bottino che proprio al 13 agosto era custodito all’interno della cassaforte.

Infatti, diversamente dalle solite circostanze, in quella data vi era custodita all’interno della banca un ingente somma di denaro di oltre 110mila euro, risultante dalla provvista necessaria per l’approvvigionamento dello sportello Atm per la chiusura di Ferragosto e da un cospicuo versamento che poco prima era stato effettuato da un correntista.