4shared
15.2 C
Napoli
martedì, 18 Gennaio 2022

Ragazzo di Scampia arrestato per botti illegali

Il ragazzo di 19 anni è stato arrestato a Scampia, quartiere di Napoli, situato nell’estrema periferia nord della città, precisamente in via Tancredi Galimberti.

Da non perdere

Oggi, 30 dicembre 2018 le forze dell’ordine hanno effettuato un’altra operazione per fermare la vendita illegale di botti illegali, i quali sono molto pericolosi.

Le forze dell’ordine, oggi hanno individuato e prontamente arrestato un ragazzo che aveva all’interno della sua autovettura circa 3,2 chili di petardi artigianali vietati alla vendita.

Il ragazzo di 19 anni è stato arrestato a Scampia, quartiere di Napoli, situato nell’estrema periferia nord della città, precisamente in via Tancredi Galimberti.

Il diciannovenne già era un volto conosciuto dai carabinieri.

L’uomo aveva reso la sua macchina una vera e propria bancarella ambulante di petardi artigianali non vendibili senza autorizzazione.

Prontamente gli artificieri del comando provinciale di Napoli hanno provveduto ad eliminare i botti in questione.

I controlli delle forze dell’ordine non si sono fermati al solo 19enne.

Infatti i carabinieri hanno effettuato controlli su tutta la vasta zona in questione. Pertanto è stato denunciato anche un uomo di 36 anni di Scampia in quanto aveva nella propria abitazione otto petardi senza autorizzazione.

Inoltre, le forze dell’ordine hanno scoperto, in uno scantinato delle Vele di Scampia decine di scatole di petardi, i quali sono vietati alla vendita senza autorizzazione.

I controlli, sono poi proseguiti in zona piazza Mercato a Napoli. Qui i carabinieri della compagnia stella hanno individuato un motorino sospetto parcheggiato in zona.

Le forze dell’ordine hanno prontamente effettuato tutti i controlli del caso ed hanno scoperto che lo scooter risultava rubato.

I carabinieri della compagnia stella, durante la perquisizione del motorino hanno fatto un’altra scoperta: nel vano sottosella c’erano circa 49 botti tipo “cipolle”.

Tutti i botti in questione sono stati posti sotto sequestro.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli