I Ragazzi Di Nisida: in scena al Teatro Hart

Uno spettacolo che "cerca di indicare una strada alternativa alla strada; il teatro che si trasforma in un modo nuovo per spiegare ai giovani la legalità".

In arrivo a Napoli un Musical originale tratto da una storia vera.

Al Teatro Hart, andrà in scena il Musical I RAGAZZI DI NISIDA, diretto da Lina Marino.

L’appuntamento è per giovedì 13 dicembre 2018 alle ore 21:00.

A presentare lo spettacolo, l’Associazione Preludio in collaborazione con la Scuola Artwell Ballet School.

Dopo i “Sold Out” dei mesi scorsi, infatti, i nostri “Scugnizzi Napoletani” tornano in scena con un Musical del tutto innovativo da vedere e ascoltare.

“I Ragazzi di Nisida – scrive Carmine Zamprotta, giornalista e scrittore del libro Napoli capitale delle periferie – è un musical che si ispira ad una storia vera”.

Attraverso questo nuovo spettacolo, Lina Marino “cerca di fondere la musica con la cronaca, ponendo in evidenza non solo la violenza, ma anche l’indignazione e la tenerezza di un popolo e di una città che si confronta con il degrado e l’assenza di valori. Il musical racconta storie vere di un gruppo di ragazzi, ponendo in evidenza le condizioni di disagio di tanti giovani costretti a confrontarsi con la camorra e la precarietà”, continua Zamprotta.

Uno spettacolo, conclude il giornalista, che “cerca di indicare una strada alternativa alla strada, proponendo la musica e il teatro come un lavoro e non un illusione; il teatro che si trasforma in strumento di comunicazione, un modo nuovo per spiegare ai giovani la legalità”.

La commedia musicale è ambientata a Napoli, tra il 1989 e il 1990. Carmela, una giovane insegnante di musica e arte drammatica, ottiene la possibilità di condurre un corso nel carcere maschile di Nisida, a detenuti di sesso misto.
Inizia così un viaggio che legherà in maniera indissolubile quei ragazzi alla loro insegnante anche oltre quel periodo, fino ad arrivare a oltre 30 anni dopo, quando ci si rende conto che questa vita spesso non risparmia nessuno, anche se “Non è mai troppo tardi”.

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO