11.7 C
Napoli
sabato, 26 Novembre 2022

Il quartiere Vasto nel totale abbandono delle autorità

Ancora un episodio di cronaca con gli extracomunitari protagonisti nel quartiere Vasto

Da non perdere

Una prassi oramai consolidata, quella che vede persone extracomunitarie stendere panni e coperte sui marciapiedi delle zone antistanti la stazione centrale, per vendere merce contraffatta, rubata o magari sottratta ai bidoni della spazzatura. Ed ogni giorno problemi, discussioni e litigi rappresentano la spada di Damocle sui residenti e commercianti della zona che provano a dissuadere questa pratica squalificante per motivi di decenza o per semplice contingenza pratica. A farne le spese questa volta in mattinata è stato un impiegato della farmacia “Principe Umberto” a Via Firenze, che se l’è cavata con una decina di punti di sutura e un fortissimo spavento. Poco dopo l’apertura dell’attività farmaceutica intorno alle 7.30 infatti  è successo che questi ha invitato un uomo di colore a liberare della sua merce il marciapiede nei pressi della farmacia e per tutta risposta si è visto aggredito con un oggetto non ben identificato che gli ha squarciato il cuoio capelluto. Un altro grave episodio quindi, che pone per l’ennesima volta l’accento sul degrado che sta vivendo  il centro della città, con il quartiere vasto, flagellato e lasciato da solo, che purtroppo può avere conseguenze anche tragiche, senza che le istituzioni abbiano la forza di porvi rimedio. La solidarietà, almeno quella, non è mancata, come dimostra la presenza questa sera all’esterno della attività della farmacia suddetta, di rappresentanti sia civili della zona che politici del quartiere. Un mix  di componenti che si spera possa dare buoni frutti per una pacifica convivenza nel pieno rispetto di tutte le variegate etnie presenti in pianta stabile in questa zona della città.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli