4shared
28.6 C
Napoli
venerdì, 30 Luglio 2021

Pulpite: che cos’è? cause, sintomi e cure

Il sintomo principale della pulpite è il dolore, che aumenta di intensità a seconda degli stimoli che pervengono.

Da non perdere

La pulpite consiste in un processo infiammatorio della polpa dentaria, ovvero la parte interna del dente, composta da terminazioni nervose, arteriole, venule e odontoblasti.

Dunque, la pulpite risulta essere una delle cause più comuni di mal di denti.

A tal proposito, è importante specificare che la pulpite solitamente compare come conseguenza di una caria dentaria.

Tuttavia, altre cause che generano la pulpite sono:

  • masticazione scorretta,
  • scarsa igiene orale, 
  • paradontite,
  • traumi ai denti,
  • bruxismo
  • malocclusioni dentali.
Quindi, quali sono i sintomi della pulpite?

Innanzitutto, occorre evidenziare che il sintomo principale è il dolore. Quest’ultimo aumenta di intensità se il dente è sottoposto a stimoli termici, chimici o meccanici.

Inoltre, si specifica che in caso di pulpite, spesso il paziente fa fatica a individuare il punto preciso di localizzazione del dolore in quanto esso si irradia ovunque.

In aggiunta, è doveroso spiegare che esistono vari tipi:

  • reversibile, cioè un’infiammazione moderata della polpa dentaria, che se viene curata prontamente, ha la propria capacità di guarigione.
  • Irreversibile, quando è estremamente grave e si manifesta nel caso in cui quella reversibile non viene curata in tempo. Essa presenta un processo degenerativo che sfocia poi in necrosi della polpa dentale.

Si precisa che se tale infiammazione non viene curata può causare:

  • ascesso,
  • parodontite,
  • granuloma
  • cisti.
Pertanto, come si cura la pulpite?

Inizialmente, è necessario usare dei farmaci analgesici per alleviare il dolore, poi si passa alla rimozione della causa della pulpite.

Quando l’infiammazione è forte ed è presente necrosi pulpare occorre devitalizzare il dente e in casi estremi asportarlo.

Dato il processo lungo, doloroso e costoso per curare questa infiammazione, si consiglia di non arrivare mai a tale condizione.

Come si può evitare ciò?

A tal proposito, l’unico modo è la prevenzione:

  • lavarsi i denti almeno tre volte al giorno dopo i pasti principali,
  • usare il filo interdentale
  • utilizzare collutori antiplacca.
image_pdfimage_print

Ultimi articoli