Il Premier Conte negli Emirati Arabi

Giuseppe Conte ad Abu Dhabi, favorisce un importo accordo commerciale tra Eni e Adnoc, fondamentale per lo sviluppo energetico, per le fonti alternative italiane

Il presidente del consiglio Giuseppe Conte

A distanza di poco più di 2 mesi il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte torna ad Abu Dhabi.

Una visita lampo per il premier, accolto in mattinata dal principe ereditario. Un modo per rafforzare i rapporti con un mercato importante per le esportazioni italiane. All’orizzonte c’è Expo Dubai 2020 appuntamento Centrale nel rapporto tra Italia ed Emirati la prima esposizione universale dopo Milano 2015. “Sarà una vetrina importante per le nostre aziende” osserva Conte, molte già operano nel Golfo Persico nel settore energetico edizione delle grandi opere. Al centro della visita c’è soprattutto la firma di un accordo da 3,3 miliardi di euro tra Eni e la compagnia petrolifera Nazionale Adnoc, l’azienda italiana acquisisce il 20% della National Oil company e incrementa così di un terzo la propria capacità di raffinazione. ” si tratta afferma il Presidente del Consiglio, dell’ acquisizione più rilevante in campo energetico mai condotta negli Emirati, da un investitore straniero, un accordo dall’alto valore strategico per il nostro paese” prosegue “Anche perché basato su tecnologie avanzate su questa strada occorre proseguire” ribadisce Conte. Ddopo aver fatto tappa in Oman, all’orizzonte ricorda, ci sono il Decreto semplificazioni, domani in aula e il piano per la transizione energetica sostenibile. “dobbiamo rafforzareci sul fronte delle rinnovabili” spiega “per far ripartire il paese”.
Proficuo quindi il viaggio di Giuseppe Conte, che ha sancito il rafforzamento degli scambi commerciali e la presenza italiana in Medio Oriente,  nell’ottica anche degli scambi culturali.
Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO