23.4 C
Napoli
martedì, 9 Agosto 2022

“Pensami” il nuovo servizio per scoprire la tua pensione futura

Il nuovo applicativo per aiutare negli utenti e creato con il loro supporto

Da non perdere

Si chiama “Pensami” il nuovo servizio fornito da INPS per conoscere la propria pensione futura.

“Pensami” (pensione a misura)é un servizio di consulenza pre-login per affiancare e accompagnare gli utenti a comprendere il proprio futuro pensionistico.

In una nota INPS spiega che l’applicativo si articola su tre livelli da percorrere in sequenza obbligata, che nascono con l’intento di fornire informazioni sulle prospettive di accesso alla pensione via via più approfondite a fronte di domande più specifiche.

Vediamo ora come si compongono questi tre livelli, che ribadiamo devono essere percorsi in sequenza.

Primo livello: sulla base di poche e semplici domande, il servizio fornisce informazioni sulle principali prestazioni pensionistiche alle quali il richiedente può accedere valorizzando tutta la contribuzione, con il dettaglio relativo al sistema di calcolo applicato.
Secondo livello: indicando i periodi di contribuzione nelle diverse gestioni, fornisce la decorrenza teorica delle prestazioni contemplate nel primo livello, nonché le ulteriori prestazioni conseguibili a carico di ciascuna gestione.

Terzo livello: consente di avvalersi di alcuni istituti che influiscono sul diritto e sul sistema di calcolo delle pensioni (ad esempio, servizio militare, valorizzazione della contribuzione accreditata presso le casse professionali, ecc.) e di visualizzarne gli effetti sui propri scenari pensionistici.

Questo applicativo nasce all’interno della digitalizzazione dell’offerta di INPS per essere sempre più vicino e connesso ai propri utenti. Sarà, infatti, possibile anche durante ognuna delle tre fasi consultare, in caso di dubbi, delle note informative così come approfondire, mediante il sito www.inps.it gli istituti pensionistici mediante appositi link alle schede di prestazione.

Per la creazione di questa nuova funzione l’ente previdenziale si è avvalso della collaborazione diretta degli utenti sin dalle prime fasi dell’elaborazione.

Questa particolare scelta nasce dalla volontà di INPS di garantire la massima facilità d’uso ed è stato aggiornato rispetto alle ultime novità legislative (legge 30 dicembre 2021, n. 234) in materia di accesso alla pensione anticipata (c.d. opzione donna e c.d. pensione quota 102).

image_pdfimage_print

Ultimi articoli