4shared
7.7 C
Napoli
domenica, 23 Gennaio 2022

Il Pd scende in campo a Napoli con Paolo Siani

Nelle ultime ore l'annuncio del pediatra Paolo Siani, fratello del giornalista Giancarlo ucciso dalla camorra nel 1985.

Da non perdere

A Napoli e provincia, in vista delle elezioni imminenti, i giochi cominciano a farsi con la discesa in campo di molti big. Nel centrodestra c’è attesa per le scelte di Mara Carfagna, che scenderà in campo a Napoli o a Salerno, e Antonio Martusciello, che tornerà in politica, candidato in Campania o in Lombardia. Nei 5Stelle è sicuro Roberto Fico ma con la pattuglia di uscenti deve anche lui passare per le parlamentarie. Nel Pd è tutto in fermento. L’unico punto fermo lo ha posto Matteo Renzi che su Napoli ha chiesto e fatto un solo nome: quello di Paolo Siani.

Ed è proprio delle ultime ore l’annuncio del pediatra Paolo Siani, fratello del giornalista Giancarlo ucciso dalla camorra nel 1985, il quale accetta l’invito di Matteo Renzi e si candida con il Pd, «come indipendente», alle prossime politiche. Siani in oltre annuncia: «Ho chiesto di poter scendere in campo non solo in un collegio proporzionale plurinominale ma anche in uno uninominale nella mia città. Sarà il Pd a dirmi in quale collegio mi presenterò. A me piacerebbe cimentarmi nel posto dove vivo e lavoro. Ma si vedrà».

Siani da 10 anni è alla guida della fondazione Pol.I.S. che si occupa dei beni confiscati alla camorra e di dare una mano alle vittime innocenti della criminalità, ed è proprio quest’esperienza che l’ha convinto ad accettare la proposta di Renzi: «Non è stata una decisione facile ma dopo 10 anni entusiasmanti alla guida della Fondazione Polis, che ci hanno visto realizzare tante cose importanti, dopo 6 anni alla guida dell’Associazione Culturale Pediatri e dopo 35 anni nel Servizio Sanitario Pubblico mi viene data l’opportunità di fare meglio e di più. Dopo lunghe riflessioni ho deciso di accettare., penso che sarebbe grave sprecare un’occasione del genere. Per questo motivo voglio ringraziare Renzi»

In risposta a tutti gli scettici Siani ribatte: «Dopo un anno, se sarò eletto, farò il primo resoconto. Se la mia presenza nel Palazzo della politica non sarà costruttiva e utile per la mia comunità, tornerò a fare il dottore in ospedale»

Siani inoltre ha annunciato anche l’auto-sospensione dalla Fondazione: «D’accordo con il presidente De Luca, abbiamo deciso la mia sospensione dalla presidenza della Fondazione Polis, la quale sarà guidata nei prossimi mesi dal vicepresidente don Tonino Palmese, che ringrazio molto per aver accettato di prendere il mio posto».

image_pdfimage_print

Ultimi articoli