martedì 16 Aprile, 2024
21.5 C
Napoli
spot_img

Articoli Recenti

spot_img

Paura per Giuliano Ferrara: ha avuto un infarto, ricoverato in gravissime condizioni

Paura per Giuliano Ferrara: Il giornalista, 70 anni, è ricoverato in gravi condizioni all’ospedale Misericordia di Grosseto, dopo un infarto che lo ha colpito nella notte nella sua casa di Scansano, in Maremma. Secondo quanto si è appreso, Ferrara si è sentito male intorno alle 23 di ieri sera.

Il giornalista Giuliano Ferrara si è trasferito da molto tempo in Maremma per dedicarsi ad un’azienda agricola. Al contempo, scrive e cura la pubblicazione di editoriali. Oggi, il quotidiano Il Foglio, da lui fondato, ha pubblicato un editoriale sulle elezioni del Presidente della Repubblica. Per il giornalista, sarà Draghi ad essere eletto al Quirinale.

Giuliano Ferrara è un giornalista, conduttore televisivo e politico italiano. Ha, inoltre, perseguito la carriera politica. È stato europarlamentare per il Partito Socialista Italiano e poi Ministro per i rapporti con il Parlamento del primo Governo Berlusconi.

Ha fondato e diretto il quotidiano Il Foglio ed è un ex-editorialista de Il Giornale.

Paura per Giuliano Ferrara: ricoverato in gravi condizioni

Il 118 lo ha portato d’urgenza in ospedale dove i medici lo hanno sottoposto a un intervento di angioplastica. Adesso si trova nel reparto di terapia intensiva cardiologica. La notizia è stata confermata dalla Asl Toscana sud est, dopo alcune indiscrezioni trapelate sui giornali locali.

Le sue condizioni sono, al momento, molto gravi.

Le condizioni di Giuliano Ferrara dopo l’intervento sono considerate stabili ed è ricoverato con prognosi riservata. Il giornalista è tenuto sedato nell’Unità di terapia intensiva cardiologica (Utic). Giovedì sera, secondo quanto si apprende, Giuliano Ferrara ha accusato un malore nella sua casa di Scansano da dove è stato contattato il 118 che ha disposto il trasferimento di urgenza all’ospedale ‘Misericordia’ di Grosseto

Anna Borriello
Anna Borriello
Scrivo per confrontarmi col mondo senza ipocrisie e per riflettere sul rapporto irriducibile che ci lega ad esso.