Paura al Vomero: vigile aggredito con una pistola

Attimi di paura ieri mattina al Vomero dove un vigile di 63 anni è stato aggredito violentemente in seguito ad un semplice fermo dopo un incidente

vigili_21_secolo_Vittoriaalessiamenna
vigili

Attimi di paura ieri mattina al Vomero, precisamente a via Cilea dove un vigile di 63 anni ha letteralmente visto la morte con gli occhi.

Mario Cardone, 63 anni, da 38 in servizio nella polizia municipale, ha rischiato di morire ieri mattina intorno alle 11,30, in via Cilea, trafficata strada del Vomero, durante un normale intervento per un banalissimo incidente stradale. In via Gemito, precisamente poco prima dello svincolo per la tangenziale, un furgone tampona una Smart con alla guida una donna. Proprio in quell’istante dal senso opposto di marcia passa una pattuglia dei Vigili urbani con Cardone.

Gli agenti a quel punto si avvicinano al luogo dell’incidente, chiedono di accostare all’autista del furgone e di scambiare le generalità dei dati con la proprietaria della Smart. Questa semplice richiesta scatena l’ira dell’uomo, poichè accostando verso il marciapiede graffia leggermente due vetture lì in sosta. Subito inizia ad urlare e ad accusare il vigile per quanto accaduto, e dopo averlo insultato lo colpisce con uno schiaffo facendogli addirittura volare gli occhiali. A questo punto interviene anche l’altro agente, schiaffeggiato anche lui.

Alla guida del furgone Corrado Santoro di 54 anni, originario di Pianura e già noto alle forze dell’ordine per estorsione, maltrattamenti in famiglia e gioco d’azzardo. A questo punto dal furgone esce il figlio di Corrado, Marcello di 19 anni, che inizialmente tenta di calmare l’uomo ma alla vista di un’altra pattuglia dei Vigili composta da un agente uomo e una donna, Santoro ritorna violento e colpisce la donna violentemente fratturandole la mascella.

Inizia letteralmente il caos: i colleghi si scagliano contro Santoro per bloccarlo e il figlio Marcello, approfittando della distrazione dei Vigili ruba dalla fondina una pistola e la punta al collo del vigile Cardone. Preme più volte il grilletto ma fortunatamente l’arma non aveva proiettili. Il vigile reagisce blocca il ragazzo mentre gli altri agenti fermano il padre.

Sono stati entrambi arrestati: il padre Corrado è accusato di violenza e resistenza a pubblico ufficiale mentre il figlio Marcello tentato omicidio.

 

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO