4shared
9.8 C
Napoli
giovedì, 27 Gennaio 2022

Pannelli solari, sviluppo di nuove politiche efficaci

Il razzismo dei pannelli solari è un fenomeno che ultimamente si sta mostrando in America. Gli autori dello studio che ha evidenziato il fenomeno sono radicati sul pensiero che i pannelli solari installati sul tetto siano un ottimo mezzo per lo sviluppo di politiche efficaci.

Da non perdere

Emanuele Marino
Giornalista pubblicista, nonché studente universitario iscritto alla facoltà di Lettere Moderne presso l'Università degli studi di Napoli Federico II

I pannelli solari installati sul tetto diventano sempre più conosciuti e diffusi, per via dei loro benefici sia per i consumatori che per l’ambiente, tuttavia la loro diffusione negli Stati Uniti si è verificata prevalentemente nei quartieri abitati da bianchi.

Il fenomeno di disuguaglianza razziale nella distribuzione del solare nei vari quartieri delle città è stato mostrato grazie ad uno studio condotto dai ricercatori della Tufts University e dalla University of California, Berkeley.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Nature Sustainability. Pur essendo, l’energia solare, fonte di energia popolare, economica, sostenibile, non si è avuto un andamento del tasso di installazione di impianti solari regolare.

Per le loro statistiche, i ricercatori hanno analizzato i dati del progetto Sunroof di Google negli Stati Uniti combinando questi ultimi con i dati demografici, reddito familiare, proprietà della casa, etnia e razza, reperiti dall’U.S. Census Bureau’s American Community Survey.

Il team voleva tracciare il tasso di fruizione dell’energia solare al fine di creare nuove politiche più efficienti a favore del fotovoltaico.

“L’energia solare è fondamentale per raggiungere gli obiettivi climatici presentati dall’IPCC, ma possiamo e dobbiamo distribuire l’energia solare in modo più ampio a vantaggio di tutte le persone, indipendentemente dalla razza e dall’etnia. L’energia solare può essere una risorsa per la protezione del clima e l’empowerment sociale” commenta Deborah Sunter della Tufts University.

Lo studio ha dimostrato che, in condizione di parità di reddito familiare medio, il campione a maggioranza nera ha installato il 69% in meno di pannelli solari su tetto, quello a maggioranza ispanica il 30% in meno e quello a maggioranza bianca il 21% in più, rispetto al totale analizzato.

“Il nostro lavoro dimostra che mentre il solare può essere un potente strumento per la protezione del clima e l’equità sociale, una mancanza di accesso o una mancanza di sensibilizzazione a tutti i segmenti della società può drammaticamente indebolirne il beneficio sociale”, afferma Daniel Kammen, della University of California.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli