Palazzo Reale di Ischia: un’oasi di storia e cultura

Palazzo Reale
Palazzo Reale

Ischia offre innumerevoli attrazioni di natura storica, culturale, artistica, architettonica, folcloristica, e l’ospite che giunge sulla splendida isola, non può non notare, ad Ischia Porto, il maestoso Palazzo reale, conosciuto come Stabilimento Balneo Termale Militare.

Ripercorrendo la storia dello Stabilimento Balneo Termale di Ischia, sarà possibile catapultarsi in uno scenario culturale, sociale e artistico idilliaco; lo stabilimento, nel 1977 ha compiuto un secolo di vita, da quanto nel lontano 1877, cominciò ad essere utilizzato come tale, con la cura di molti militari suddivisi in cinque “mute”. Tante sono le generazioni, e quindi il personale militare e paramilitare che nel corso del tempo hanno usufruito del meraviglioso e storico Stabilimento, immerso in una cornice suggestiva ed accogliente, in un’atmosfera incantata della splendida isola d’Ischia. Al turista o a chiunque altro giunga da Napoli, appena superata la stretta gola d’ingresso del porto, si presenta in tutta la propria magnificenza, immerso nel verde. La struttura, consta di più costruzioni, alcune direttamente legate al nucleo originario, mentre dal punto principale, il più alto della collina, il vero gioiello di arte settecentesca, ossia, la cosiddetta Palazzina principale, fortemente voluta da Francesco Buonocore, Protomedico di Corte, uomo di notevole spessore culturale. La famiglia Buonocore è una delle più antiche di Ischia, tant’è che essa è menzionata nei registri parrocchiali già a partire dal XIV secolo. Una volta laureatosi, Francesco Buonocore, diventò un rinomato medico, uomo di eclettica erudizione, sempre a contatto con l’alta società de proprio tempo; frequenti erano le sue visite ad Ischia, soggiorni piuttosto lunghi, e proprio durante uno di questi, maturò l’idea di erigere una sontuosa costruzione sulla collina che si alza dietro alle due sorgenti calde del cosiddetto Lago del Bagno. Era l’anno 1735, data che storicamente documenta la nascita dell’attuale Palazzo Reale, gioiello dell’isola d’Ischia. Dopo la rivoluzione del 1799 il palazzo venne acquistato dalla famiglia reale Borbone. In particolare, Ferdinando IV re di Napoli e delle Due Sicilie, decise di utilizzarlo come base per cacciare e pescare nell’antico Lago del bagno. Tale specchio d’acqua fu successivamente trasformato in porto, con l’apertura di una bocca a mare sul versante nord, per volontà di Ferdinando II, il quale diede inizio anche alla costruzione delle Antiche Terme Comunali.

In precedenza, si è sottolineato l’anno in cui il Palazzo reale, intitolato a Francesco Buonocore, ha compiuto un secolo, diventando uno stabilimento balneare, aperto al pubblico durante la stagione estiva, per spettacoli musicali e culturali e come residenza per soggiorni brevi. Adagiato sul fianco della collina, il Palazzo Reale, sede delle Terme militari di Ischia, offre una delle vedute più belle sul porto d’Ischia. Una vera e propria oasi conservata nel tempo, all’interno della quale si respira ancora un’atmosfera “sublime”, soprattutto nei due saloni lussuosi che lo caratterizzano, arredati con gusto e sfarzo. Particolari e variopinti sono anche i giardini della villa da cui è possibile ammirare diverse posizioni panoramiche del porto di Procida o della costa napoletana.

Cultura e storia senza tempo, si respirano in ogni angolo di Ischia, in ogni dettaglio e il Palazzo Reale di cui si è fatta menzione, è sicuramente uno dei maggiori siti storici e culturali di cui l’isola d’Ischia può vantarsi. 

Print Friendly, PDF & Email

more recommended stories