4shared
16.8 C
Napoli
lunedì, 18 Ottobre 2021

Paesaggio al Parco Archeologico dei Campi Flegrei

Mercoledì 14 marzo 2018, Giornata nazionale del Paesaggio al Parco Archeologico dei Campi Flegrei, istituita dal Mibact con la collaborazione di Legambiente Città Flegrea e del gruppo archeologico Kyme.

Da non perdere

Emanuele Marino
Giornalista pubblicista, nonché studente universitario iscritto alla facoltà di Lettere Moderne presso l'Università degli studi di Napoli Federico II

Mercoledì 14 marzo il Parco Archeologico dei Campi Flegrei offrirà un evento con lo scopo di tutela del paesaggio in quanto elemento identitario delka memoria del Paese. Il parco sarà aperto per la Giornata nazionale del Paesaggio al Parco Archeologico dei Campi Flegrei. 

L’iniziativa, organizzata dal Mibact con la collaborazione di Legambiente Città Flegrea e del gruppo archeologico Kyme, trasmette il messaggio di tutela e studio del territorio come elemento unificante di un paese. Il tutto riguarderà anche le Terme di Baia e l’Anfiteatro di Cuma, che effettuerà un’apertura straordinaria.

L’evento sarà strutturato in due differenti percorsi, alle ore 11 e alle ore 15 sarà possibile prendere parte al percorso «Archeosensorial: alla ricerca del benessere», che si terrà nel Parco Archeologico delle Terme Romane di Baia, sito in via Sella di Baia, 22 – Bacoli, dove è previsto un percorso archeologicalo e naturalistico finalizzato alla scoperta delle specie caratteristiche della Macchia Mediterranea e delle antiche terme romane.

La prenotazione è obbligatoria ed è possibile effettuarla contattando i di telefono +393311636020 e + 393281731302.

Per la Giornata del Paesaggio è prevista anche l’apertura dell’Anfiteatro di Cuma, sito in via Cuma, 320 – Bacoli, per l‘evento «A spasso nel tempo: alla scoperta dell’Anfiteatro Cumano e del paesaggio agrario flegreo».

Gli esperti del gruppo archeologico Kyme permetteranno al pubblico di immergersi nella storia del monumento, giungendo a conoscenza anche degli aspetti naturalistici del luogo.

L’anfiteatro cumano risale al II sec. a.C. ed è uno dei più antichi della Campania.

Il teatro, opera incompiuta, è occupato da terrazze agricole ed offre l’opportunità di conoscere le colture tipiche dell’area flegrea scoprendo la costituzione dei paesaggi rurali.

Prenderanno parte all’evento gli studenti della scuola Plinio Il Vecchio – Gramsci di Bacoli, appartenenti so plesso di Cuma, illustrando la storia dell’antica città di Cuma, soffermandosi sulla mitologia greco-romana, soprattutto per quanto riguardo il tema dello spettacolo e dei gladiatori nella società romana.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli