4shared
4.3 C
Napoli
martedì, 25 Gennaio 2022

Ossa: come prendersene cura partendo dalla tavola con i cibi giusti

Le ossa hanno bisogno di essere curate anche a tavola, ci sono cibi specifici da prediligere nell’alimentazione quotidiana.

Da non perdere

La salute delle ossa può essere mantenuta non solo facendo attività fisica, ma anche a tavola.

L’alimentazione a tavola dovrebbe essere ricca di calcio, vitamina D, magnesio, manganese, fosforo, vitamina K e zinco, in questo modo si possono prevenire problemi delle ossa come l’osteoporosi.

Benessere delle ossa anche a tavola

– “Per garantire il benessere osseo è possibile intervenire nel tempo per rafforzare la cosiddetta banca di riserva di minerali contenuti nelle ossa che si costruisce in ogni individuo nei primi 30 anni di vita grazie al concorso di fattori ambientali e ormonali. L’adozione di uno stile di vita sano è molto importante. Piccole attenzioni alla nostra dieta quotidiana e lo svolgimento di un’attività sportiva giocano un ruolo fondamentale per la loro cura e la prevenzione dell’osteoporosi”.

È naturale che con il passare del tempo, la sola attività fisica non basti a prevenire problemi delle ossa, l’educazione deve esserci anche in tavola, seguendo una dieta ricca di quegli elementi essenziali utili al nostro corpo.

Di seguito riportiamo alcuni elementi da tenere sempre in considerazione nell’alimentazione

  • frutta secca, nello specifico però  mandorle e noci, che sono ricche di magnesio e hanno un’azione remineralizzante. Sono spesso indicate come “spezza fame”, poiché  apporta all’organismo antiossidanti che prevengono il deterioramento dell’apparato scheletrico;
  • semi di sesamo: questo è un elemento che è molto usato nei ristoranti, ma piano piano sta prendendo piede anche nella cucina di tutti i giorni, poiché sono un’ottima riserva di magnesio, calcio e grassi polinsaturi che svolgono anche una valida azione antinfiammatoria.
  • latte e derivati: elementi essenziali per eccellenza quando si parla di ossa, fonte di calcio e vitamina D. Tra i suoi derivati da prediligere sono yogurt, kefir e formaggi magri;
  • pesce azzurro: sgombro, aringa e tonno. Se si mangiano circa 90 grammi di tonno al giorno è possibile fare il pieno del 50% del fabbisogno giornaliero di vitamina D. (vitamina importante per il benessere delle ossa perché aiuta l’organismo ad assorbire efficacemente il calcio che si apporta attraverso la dieta);
  • rucola: ottima perché 100 grammi contiene circa 309 mg di calcio e 41 mg di fosforo (Quest’ultimo aiuta a rafforzare e regolarizzare il metabolismo osseo) Fonte anche di vitamina K preziosa per prevenire la disgregazione delle fibre dell’osso;
  • legumi: dall’ottimo contenuto di calcio e proteine, necessarie per l’apparato osseo;
  • prugne:  aiutano a prevenire l’osteoporosi perché sono ricche di vitamina K e manganese, due sostanze che aiutano le ossa a mantenersi forti;
  • fichi: è ritenuto il frutto più ricco di calcio, inoltre contiene anche magnesio e potassio. 
image_pdfimage_print

Ultimi articoli